Senza Titolo

 

 

http://www.unaleggeperlemedicinenonconvenzionali.it/

Perche si chiamano MnC : Medicine non Convenzionali ?

 

Non esiste ad oggi un consenso univoco sulla definizione da adottare rispetto alla realtà socio-sanitaria delle discipline denominate Medicine non Convenzionali. Si è scelto di utilizzare questa espressione (preferendola ad altre diffuse sia in ambito nazionale che estero, come Medicina Complementare e Alternativa, Medicina Tradizionale, Medicina Naturale, ecc.) [WHO Traditional Medicine Strategy 2002-2005] essendo quella prevalente nel contesto istituzionale europeo, adottata sia dal Parlamento Europeo (Parlamento Europeo, Risoluzione n.75/1997 del 29/05/1997) sia dal Consiglio d’Europa (Consiglio d’Europa, Risoluzione n.1206/1999 An European approach to non conventional medicines).

 

Una Legge POPOLARE Sulle Medicine Non Convenzionali

Il percorso per il riconoscimento delle medicine non convenzionali ha seguito sino ad oggi un lungo iter parlamentare, senza giungere ancora alla creazione di un quadro normativo nazionale.

 

Attualmente in Italia non è ancora giuridicamente riconosciuta la figura professionale del Naturopata e dell’operatore delle Discipline Bio-Naturali. Esistono solo delle leggi regionali (in particolare in Lombardia, Toscana, Liguria ed Emilia Romagna).

 

Per questi motivi abbiamo deciso di creare questo sito e raccogliere le 50.000 firme necessarie per presentare una proposta di Legge di iniziativa popolare.

 

50.000 firme per la libertà di scelta terapeutica e la legittimità delle Medicine Non Convenzionali.

 

La parte innovativa di questo progetto è costituita dalla modalità di creazione della legge stessa. Tutti possono contribuire alla sua stesura partendo da un testo base. Abbiamo creato, a tal proposito, una sezione aggiornabile per ricevere i commenti ed i testi degli utenti che vorranno partecipare.

 

————————————-

 

UNA LEGGE POPOLARE APARTITICA !

 

Caro Navigatore, vogliamo sottolineare che questa proposta di Legge Popolare non è vincolata o promossa da alcun Partito Politico, ma nasce per volontà della Ass. Culturale Spazio Sacro di Bologna nella persona del suo vice-presidente, il Dott. Emanuel Celano.

 

Una nota rilevante che distingue questa proposta da quelle sino ad ora ricevute in Parlamento è data dalla apertura della stesura della Legge a tutti coloro che vi vorranno partecipare, e dal ruolo assegnato alla Commissione Pilota sulle Medicine Non Convenzionali, prima che venga istituita una Commissione Permanente sulle MNC.

 

Solo una Commissione Pilota, i cui rappresentanti provengono dalle realtà italiane nelle quali vengono promosse ogni giorno, la conoscenza, l’apprendimento e la sperimentazione delle medicine non convenzionali è, a nostro parere, in grado di aiutare la comunità scientifica ad individuare le discipline bio-naturali da riconoscere e definire i profili e le competenze degli operatori olistici.

 

————————————-

 

Perchè Firmare adesso, se la proposta di legge popolare non è ancora ultimata ?

 

Secondo la Legge Italiana la raccolta di firme online non ha valore legale.

 

Chiediamo la tua adesione adesso, anche se la proposta di legge popolare che troverai in questo sito non è ancora ultimata, per ricevere il tuo sostegno ed appoggio a questa iniziativa e per velocizzare le fasi del Progetto che sono pubblicate qui sotto.

 

Una volta raccolte le 50.000 firme riceverete nella vostra casella di posta il testo completo della proposta di legge e SOLO SE lo riterrete valido potrete recarvi presso una struttura nella vostra provincia per la firma cartacea con valore legale.

 

————————————-

 

LE FASI DEL PROGETTO :

 

RACCOGLIERE 50.000 FIRME VIRTUALI TRAMITE LA PETIZIONE ONLINE

 

REDIGERE INSIEME UNA PROPOSTA DI LEGGE (vedi la versione attuale)

 

TROVARE ALMENO UNA ASSOCIAZIONE O UN CENTRO PER OGNI PROVINCIA ITALIANA DISPONIBILE A COSTITUIRSI COME PUNTO DI RACCOLTA DELLE FIRME REALI (vedi le sedi)

 

INVIARE, UNA VOLTA RAGGIUNTO IL NUMERO, UNA EMAIL A TUTTI COLORO CHE HANNO PARTECIPATO CON IL TESTO COMPLETO DELLA PROPOSTA DI LEGGE.

 

RACCOGLIERE LE 50.000 FIRME CARTACEE CON VALORE LEGALE PRESSO LE SEDI PROVINCIALI INDIVIDUATE PER LA RACCOLTA DELLE FIRME REALI

 

DEPOSITARE LE FIRME ALLA CORTE DI CASSAZIONE PER IL LORO RICONOSCIMENTO

 

CONSEGNARE LA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE AL PARLAMENTO ITALIANO

 

 

 

======================================================================================================

 

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

IL DISEGNO E’ STATO SCOPERTO PRECHE’ I MEDIA NON NE PARLANO???

==================================================================================================

 

 

OMS: IL ”PAPA DELL’INFLUENZA SUINA” ACCUSATO DI CORRUZIONE

DI F.WILLIAM ENGDAHL
voltairenet.org


Chiamato ”Dr.Flu” (Dottor Influenza), il professor Albert Osterhaus (nella foto) è il principale consigliere dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la pandemia H1N1.
Da diversi anni, parla dell’imminenza di una pandemia globale e quello che sta succedendo sembra dargli ragione.
Ma lo scandalo che è scoppiato nei Paesi Bassi e che è stato oggetto di dibattito in Parlamento, ha messo in evidenza i suoi legami personali con i laboratori che fabbricano i vaccini da lui fatti prescrivere all’OMS.
F. William Engdhal spiega come un esperto senza scrupoli abbia potuto manipolare l’opinione pubblica internazionale, sopravvalutare l’impatto dell’influenza H1N1 e fare la fortuna dei laboratori in cui lavora.

Da molto tempo, il Parlamento nederlandese [1] nutriva dei sospetti sul famoso Dott. Osterhaus e aveva aperto un’inchiesta per conflitto d’interesse e malversazioni. Fuori dai Paesi Bassi e dai media nederlandesi, solo alcune righe nel’autorevole rivista britannica Science han menzionato l’inchiesta sensazionale sugli affari di Osterhaus.

Non erano messe in questione le referenze e l’esperienza d’Osterhaus nel suo campo. Quello che viene messo in causa, come ci spiega la rivista Science in un semplice dispaccio, è l’indipendenza del giudizio personale sulla pandemia di influenza A. Science pubblicava queste poche righe su Osterhaus nell’edizione del 16 ottobre 2009:

”Negli ultimi sei mesi, nei Pesi Bassi è stato difficile accendere la televisione e non vedere il famoso cacciatore di virus Albert Osterhaus e sentirlo parlare della pandemia di influenza A. O perlomeno, è ciò che credevamo. Il Signor Influenza era Osterhaus, il direttore di un laboratorio di fama mondiale in seno al Centro medico dell’Università Erasmo di Rotterdam. Ma la scorsa settimana la sua reputazione è stata fortemente criticata dopo che sono stata espressi alcuni sospetti sulla volontà di attizzare le paure di una pandemia, con l’obiettivo di servire gli interessi del proprio laboratorio nella messa a punto di nuovi vaccini. Nel momento in cui Science mandava in stampa, la Camera bassa del Parlamento nederlandese annunciava che la questione sarebbe stata discussa con urgenza”. [2]

Pur non uscendone indenne, il 3 novembre 2009 Osterhaus aveva saputo evitare i danni. Si poteva leggere in uno dei blog del sito di Science: ”La Camera bassa del Parlamento nederlandese ha oggi negato una mozione che esigeva che il governo rompesse qualsiasi legame con il virologo Albert Osterhaus del Centro medico dell’Università Erasmo di Rotterdam, accusato di conflitto d’interessi in qualità di consigliere del governo. Nello stesso momento, il Ministro della Salute Ab Klink annunciava una legge [3] sulla trasparenza del finanziamento della ricerca, che obblighi gli scienziati a rivelare i legami finanziari che stringono con le imprese private”.[4]

In un comunicato sul sito internet del Ministero della Salute, Klink, che sappiamo essere uno degli amici intimi di Osterhaus [5], diceva in seguito che quest’ultimo non era altro che un consigliere del Ministero come molti altri sulla questione dei vaccini contro l’influenza A H1N1. Ha anche detto di ”essere al corrente” degli interessi finanziari d Osterhaus [6]: non nascondono niente di straordinario, solo il progresso della scienza e della salute pubblica. O perlomeno è quello che credevamo.

Un esame più approfondito del dossier di Osterhauas lascia intendere che questo virologo nederlandese di fama internazionale potrebbe trovarsi al centro di una truffa di diversi miliardi di euro riguardo all’idea di una pandemia. Un sistema fraudolento in cui dei vaccini non testati sono iniettati a degli uomini, col rischio -come è già successo- di causare seri danni, paralisi gravi o decessi.

La bugia delle feci d’uccello

Albert Osterhaus non è una persona qualunque. Ha avuto un ruolo in tutti i grande ondate di panico suscitate dalla comparsa di virus, a partire dai misteriosi decessi imputati alla SARS a Hong-Kong, dove l’attuale Direttrice generale dell’OMS Margaret Chan aveva lanciato la sua carriera di responsabile della Salute Pubblica a livello locale. Secondo la sua biografia ufficiale alla Commissione Europea, nell’aprile 2003, all’apice del panico causato dalla SARS, Osterhaus fu incaricato di partecipare alle inchieste sui casi di infezioni respiratorie che si moltiplicavano a Hong Kong. Nel rapporto dell’unione Europea possiamo leggere: ”dimostrò ancora una volta la sua capacità di agire velocemente in situazioni gravi. In tre settimane ha dimostrato che questa malattia era provocata da un coronavirus scoperto recentemente che contamina le civette, i pipistrelli e altri animali carnivori” [7]

In seguito, quando i casi di SARS non fecero più parlare di sé, Osterhaus passò ad altro, lavorando questa volta per la mediatizzazione dei pericoli di quella che chiamava l’influenza aviaria H5N1. Nel 1997 aveva già suonato l’allarme dopo la morte a Hong Kong, di un bambino di tre anni che Osterhaus sapeva essere stato in contatto con degli uccelli. Osterhaus ha sviluppato quindi il suo lobbying nei Paesi Bassi e in Europa, sostenendo che una nuova mutazione letale dell’influenza aviaria era stata trasmessa agli umani e che si dovevano prendere delle misure drastiche. Sottolineava inoltre il fatto di essere stato il primo scienziato ad aver dimostrato che il virus H1N1 poteva contaminare gli umani. [8]

Parlando della pericolosità dell’influenza aviaria in un’intervista diffusa dalla BBC nell’ottobre 2005, Osterhaus dichiarava: ”se il virus riuscisse a mutare in maniera tale da trasmettersi poi tra umani, allora saremmo in una situazione completamente diversa: potremmo avere dinnanzi a noi l’inizio di una pandemia”. Aggiungeva: ”C’è il rischio che il virus venga sparso dagli uccelli in tutta Europa. C’è un rischio reale che nessuno ha saputo tuttavia valutare fino ad oggi, perchè non abbiamo fatto gli esperimenti dovuti” [9]. Il virus non ha mai riuscito la sua mutazione, ma Osterhaus era pronto a ”condurre degli esperimenti” che possiamo immaginare sarebbero stati ampiamente retribuiti.

Per sostenere il suo allarmante scenario di pandemia cercando di dargli una legittimità scientifica, Osterhaus e i suoi assistenti di Rotterdam han cominciato a raccogliere e congelare dei campioni di feci d’uccelli. Affermava che, secondo i periodi dell’anno, fino al 30% di tutti gli uccelli d’Europa risultavano portatori del virus mortale dell’influenza aviaria H5N1. Aveva
anche affermato che quindi gli allevatori in contatto con polli e galline erano esposti al suddetto virus. Osterhaus si incontrò con i giornalisti, che presero nota del messaggio allarmista. La classe politica fu messa in allerta. Nella stampa emise l’ipotesi per cui il virus, che egli chiamava H5N1, dopo aver causato diverse morti agli antipodi asiatici, si sarebbe diffuso in Europa, molto probabilmente trasportato sulle piume degli uccelli o nelle interiora d’uccelli infettati mortalmente. Sosteneva la tesi di uccelli migratori capaci di portare il nuovo virus mortale verso l’ovest, fino all’Ucraina e l’isola di Rügen [10]. Questo gli bastò per fingere di ignorare che gli uccelli non migrano da est a ovest, ma da nord a sud.

La campagna allarmista di Osterhaus sull’influenza aviaria decollò per davvero nel 2003, quando un veterinario nederlandese muore dopo essere stato ammalato. Osterhaus annunciò che la morte era il risultato di una contaminazione del virus H5N1. Convinse il Parlamento nederlandese ad esigere il macello di milioni di polli. Però non ci fu nessun altro decesso legato a un’infezione simile a quella attribuita all’H5N1. Per Osterhaus, questo dimostrava l’efficacia della campagna di macello preventiva [11].

sempre secondo Osterhaus, gli escrementi aviari diffondevano il virus ricadendo sulla popolazione e gli altri uccelli a terra. Rimaneva fermo sulla sua idea che questi escrementi costituivano il vettore di propagazione della nuova ondata mortale del virus H5N1 dall’Asia.

Si poneva in quel momento un problema con lo stock crescente di campioni congelati di escrementi aviari che con i suoi associati aveva raccolto e conservato nel suo istituto. La presenza del virus H5N1 non poté essere confermata in nessuno di questi campioni. Nel 2006, in occasione del congresso dell’OIE (Office international des épizooties, ormai chiamato ‘Organizzazione Mondiale per la Salute dell’Animale), Osterhaus e i suoi colleghi dell’Università Erasmo furono obbligati ad ammettere che nei 100.000 campioni di materie fecali raccolte con tanta precauzione non avevano trovato nessuna traccia del virus H1N1. [12]

Nel 2008, a Verona, durante la conferenza dell’OMS dal titolo ”Avian influenza at the Human-Animal Interface,”, Osterhaus prendeva la parola davanti ai suoi colleghi scienziati, senza dubbio meno accattivati del pubblico non scientifico dai suoi incitamenti all’emotività. Ammetteva che: ”allo stato attuale delle conoscenze, niente permette(va) di dichiarare un’allerta contro il virus H5N1, né di affermare che questo potesse provocare una pandemia” [13]. Ma in quel momento, il suo sguardo si rivolgeva già verso altre possibilità pulsanti da schiacciare per far convergere il suo lavoro sui vaccini con nuove possibilità di crisi pandemica.

Influenza A e corruzione all’OMS

Rendendosi conto che l’influenza aviaria non aveva portato a nessuna ondata di morti su grande scala – dopo che Roche (produttore del Tamiflu) e GlaxoSmithKline (produttore del Relenza), ebbero incassato miliardi di dollari di profitti quando i governi decisero di stockare dei vaccini antivirali contestati -, Osterhaus e gli altri consiglieri dell’OMS si voltarono verso dei pascoli più verdi.

Nell’aprile 2009, le loro ricerche sembravano coronate di successo quando a La Gloria, piccolo villaggio messicano dello Stato di Veracruz, un bambino ammalato venne diagnosticato come portatore dell’influenza all’epoca chiamata ”suina” o H1N1. Con una fretta fuoriluogo, l’apparato propagandista dell’OMS a Ginevra seguì subito le dichiarazioni del suo Direttore Generale, il Dottor Margaret Chan sull’eventuale minaccia di una pandemia mondiale.

Chan evocò ”l’urgenza di salute pubblica a livello internazionale” [14]. In seguito, altri casi dichiarati a La Gloria vennero presentati su un sito internet di medicina come: una ”strana” crescita d’infezioni polmonari e respiratorie acute, che evolvono in broncopolmoniti in certi casi riscontrati tra i bambini. Un abitante del villaggio ne descriveva i sintomi: ”febbre, tossi severe e secrezioni nasali importanti” [15]

Questi sintomi, tuttavia acquistano tutto il loro senso nel contesto ambientale de La Gloria, una delle zone al mondo in cui si concentra il più grande numero di maiali in allevamento intensivo, il cui sfruttamento è detenuto principalmente dall’americano Smithfield. Da mesi, la popolazione locale protestava davanti la sede messicana del gruppo Smithfield, lamentandosi di gravi affezioni respiratorie dovute alle letamaie dei maiali. Questa ragione più che plausibile per le diverse malattie diagnosticate a La Gloria, non sembra interessare né Osterhaus né gli altri consiglieri dell’OMS. Finalmente si intravedeva la pandemia tanto attesa, quella predetta dal 2003, durante la sua partecipazione alle ricerche sulla SARS nella provincia di Guangdong in Cina.

L’11 giugno 2009, Margaret Chan annunciava che la propagazione del virus dell’influenza H1N1 aveva raggiunto il livello 6 dell’ ”urgenza pandemica”. Curiosamente, in occasione di quest’annuncio precisava che ”secondo le informazioni disponibili fino ad ora, una maggioranza schiacciante di pazienti sentono dei sintomi benigni; il loro ristabilimento è veloce e completo, la maggior parte delle volte ricorrendo a un trattamento medico”. Prima di aggiungere: ”A livello mondiale, il numero di decessi è poco importante, non ci aspettiamo di vedere una crescita improvvisa e spettacolare del numero di infezioni gravi o mortali”.

Si scopriva più tardi che Chan aveva agito in seguito ad alcuni dibattiti febbrili all’OMS, seguendo i consigli del Consultivo strategico del gruppo di esperti (SAGE, Strategic Advisory Group of Experts). Uno dei membri del SAGE all’epoca, e ancora oggi, è il nostro ”Signor Influenza”, il dottor Albert Osterhaus.

Osterhaus non occupava solo una posizione strategica per raccomandare all’OMS di dichiarare l’ ”urgenza pandemica” e incitare al panico, ma era anche il presidente di un’organizzazione in prima linea sull’argomento, il Gruppo di lavoro scientifico (ESWI, European Scientific Working group on Influenza), che si definisce come un ”gruppo multidisciplinare di leaders d’opinione sull’influenza, il cui scopo è lottare contro le ripercussioni di un’epidemia o di una pandemia influenzali”. Come spiegano i suoi stessi membri, l’ESWI guidato da Osterhaus è il perno ”tra l’OMS a Ginevra, l’Istituto Robert Koch a Berlino e l’Università del Connecticut negli Stati Uniti”.

La cosa più significativa riguardo l’ESWI è che il suo lavoro è completamente finanziato dagli stessi laboratori farmaceutici che guadagnano miliardi grazie all’urgenza pandemica, mentre gli annunci fatti dall’OMS obbligano i governi di tutto il mondo a comprare e immagazzinare vaccini. L’ESWI riceve finanziamenti dai fabbricanti e dai distributori di vaccini contro l’H1N1, come Baxter Vaccins, MedImmune, GlaxoSmithKline, Sanofi Pasteur e altri, tra cui Novartis,che produce il vaccino e il distributore del Tamiflu, Hofmann-La Roche.

Per mantenere il vantaggio, Albert Osterhaus, il più grande virologo mondiale, consigliere ufficiale sul virus H1N1 dei governi britannico e nederlandese, e capo del Dipartimento di Virologia del Centro medico dell’Università Erasmo, era allo stesso tempo parte delll’élite dell’OMS riunita nel gruppo SAGE e presiedeva l’ESWI, sponsorizzato dall’industria farmaceutica. A sua volta, l’ ESWI raccomandò misure straordinarie per vaccinare tutto il pianeta, ritenendo elevato il rischio di una nuova pandemia che, si diceva con insistenza, avrebbe potuto essere paragonabile alla spaventosa pandemia d’influenza spagnola del 1918.

 

Nel 1923, Louis Jouvet mette in scen
a ”Knock o il trionfo della medicina” di Jules Romain. Un medico senza scrupoli si stabilisce in una piccola città e riesce a convincere gli abitanti che sono tutti malati. Prescrive loro dei trattamenti inutili, costosi, e a volte pericolosi. La pièce diventa un lungometraggio nel 1933. il truffatore vi dice la celebre battuta: ”Le persone sane sono dei malati che ignorano di esserlo”

La banca JP Morgan, presente a Wall Street, riteneva che, principalmente grazie all’allerta pandemica lanciata dall’OMS, i grandi industriali farmaceutici, che finanziano anche il lavoro dell’ ESWI di Osterhaus, erano pronti a fare tra i 7,5 e i 10 miliardi di dollari di benefici. [16]

Il dottor Frederick Hayden è allo stesso tempo membro del SAGE all’OMS e del Wellcome Trust a Londra; si sa essere una degli amici intimi di Osterhaus. Per i suoi servizi ”di consulenza”, Hayden, riceve tra l’altro fondi da Roche e GlaxoSmithKline, tdue dei vari giganti farmaceutici impegnati nella creazione di prodotti legati alla crisi dell’H1N1.

Un altro scientifico britannico, il professor David Salisbury, che dipende dal ministero britannico della Salute, è a capo del SAGE all’OMS. Dirige anche il gruppo consultivo sull’H1N1 all’OMS. Salisbury è un fervente difensore dell’industria farmaceutica. Nel Regno Unito, il gruppo di difesa della salute One Click l’ha accusato di dissimulare la correlazione provata tra i vaccini e l’aumento dell’autismo nei bambini, così come quella esistente tra il vaccino Gardasil e casi di paralisi e addirittura di morte. [17]

Il 28 settembre 2009, lo stesso Salisbury dichiarava: ”la comunità scientifica è d’accordo sull’assenza totale di rischi riguardanti l’inoculazione del Thimerosal (o Thiomersal)”. Questo vaccino, usato contro l’H1N1 in Gran Bretagna, è prodotto principalmente da GlaxoSmithKline. Contiene Thimerosal, un conservante a base di mercurio. Nel 1999, un numero sempre crescente di prove che dimostrava che il Thimérosal presente nei vaccini avrebbe potuto essere la causa di casi d’autismo tra i bambini negli Stati Uniti, l’American Academy of Pediatrics (Accademia americana di pediatri) e il Public Health Service (ufficio della salute pubblica) ne avevano preteso il ritiro dalla composizione dei vaccini. [18]

Troviamo ancora un altro membro dell’OMS che ha degli stretti legami finanziari con i fabbricanti di vaccini che approfittano delle raccomandazioni del SAGE: il dottor Arnold Monto, un consulente remunerato dai fabbricanti di vaccini MedImmune, Glaxo e ViroPharma.

E peggio ancora, alle riunioni di scienziati ”indipendenti” dal SAGE, partecipano degli ”osservatori” che comprendono, ebbene sì, gli stessi produttori di vaccini GlaxoSmithKline, Novartis, Baxter e compagnia. Ci si può chiedere: se i migliori esperti dell’influenza al mondo dovrebbero far parte del SAGE, perchè invitano i fabbricanti di vaccini a partecipare?

Nello scorso decennio, l’OMS creava i cosiddetti ”partenariati pubblico/privato”, con lo scopo di aumentare i fondi a sua disposizione. Ma, invece di ricevere fondi solo dai governi dei paesi membri dell’ONU (com’era stato previsto all’inizio), oggi l’OMS riceve dalle imprese private quasi il doppio del budget solitamente dato dall’ONU sotto forma di borse e aiuti finanziari. Da quali imprese private? Dagli stessi fabbricanti di vaccini e medicinali che approfittano delle decisioni ufficiali come quella presa nel giugno 2009 sull’urgenza pandemica dell’influenza H1N1. Proprio come i benefattori dell’OMS, i grandi laboratori hanno le loro entrate a Ginevra, e hanno diritto a un trattamento di ”porte aperte e tappeti rossi”. [19]

In un’intervista rilasciata al Der Spiegel, un membro della Cochrane Collaboration (organizzazione di scienziati indipendenti che valutano tutti gli studi condotti sull’influenza), l’epidemiologo Tom Jefferson mostrava le conseguenze della privatizzazione dell’OMS e la commercializzazione della salute.

”T.Jefferson: […] una delle caratteristiche più sorprendenti di quest’influenza, e di tutta la telenovela che ne è derivata, è che, anno dopo anno, alcune persone fanno previsioni sempre più pessimiste. Finora, nessuna si è i realizzata e queste persone sono sempre là a ripetere le loro predizioni. Ad esempio, cos’è successo all’influenza aviaria che avrebbe dovuto ucciderci tutti? Niente. Ma ciò non impedisce a queste persone di continuare a fare le loro predizioni. A volte sembra che ci sia un’intera industria che spera una pandemia.

Der Spiegel: di chi parla? Dell’OMS?

T.J. :L’OMS e i responsabili della salute pubblica, i virologi e i laboratori farmaceutici. Hanno costruito un sistema sull’imminenza della pandemia. Ci sono molti soldi in gioco, reti d’influenza, carriere e intere istituzioni! Ed è bastato che uno dei virus dell’influenza muti per vedere tutta la macchina mettersi in moto”. [20]

Quando gli abbiamo chiesto se l’OMS aveva deliberatamente dichiarato l’urgenza pandemica con lo scopo di creare un immenso mercato per i vaccini e i medicinali contro l’H1N1, Jefferson ha risposto: ”Non pensa che il fatto che l’OMS abbia cambiata la definizione di pandemia sia notevole? La vecchia definizione era ”un nuovo virus che si diffondeva velocemente, per cui non si aveva nessuna immunità e che causava un alto numero di malati e un’alta mortalità”. Ora, le ultime due sono state cancellate, e con questo cambiamento è stato possibile catalogare l’influenza suina come pandemia.’ [21]

In modo molto giudizioso, nell’aprile 2009 l’OMS pubblicava la nuova definizione di pandemia, appena in tempo per permettere all’OMS, sui consigli provenienti, tra gli altri, dal SAGE di ”Signor Influenza”, alias Albert Osterhaus, e di David Salisbury, di definire urgenza pandemica casi benigni di influenza, ribattezzata influenza A H1N1. [22]

L’8 dicembre 2009, nella nota a piè di pagina di un articolo sulla gravità o la benignità della ”pandemia mondiale” dell’H1N1, il Washington Post citava: ”La seconda ondata d’infezione dell’H1N1 essendo arrivata all’apice negli Stati Uniti, i principali epidemiologi prevedono che la pandemia potrebbe far parte delle più benigne da quando la medicina moderna documenta le epidemie di influenza”. [23]

Igor Barinov, parlamentare russo e presidente del Comitato per la Salute alla Duma, ha preteso dai rappresentanti russi all’OMS in posto a Ginevra che conducano un’inchiesta ufficiale sugli innumerevoli indizi della corruzione massiva accettata dall’OMS e portata avanti dall’industria farmaceutica. ”Sono state pronunciate gravi accuse di corruzione verso l’OMS”, affermava Barinov. ”Una commissione internazionale d’inchiesta deve essere organizzata al più presto”. [24]

F.William Engdhal
Fonte: www.voltairenet.org
Link: http://www.voltairenet.org/article163315.html
16.12.2009

Traduzione per www,comedonchisciotte.org a cura di MARINA GERENZANI

[1] NDT : Tweede Kamer der Staten-Generaal (Seconda Camera degli Stati Generali dei Paesi Bassi, corrisponde alla Camera Bassa)
[2] Articolo in inglese, Martin Enserink, in ‘Holland, the Public Face of Flu Takes a Hit’ («Olanda, la faccia pubblica dell’influenza ESSUIE UN COUP”), Science, 16 ottobre 2009, Vol. 326, n° 5951, pp. 350–351 ; DOI : 10.1126/science.326_350b.
[3] NDT : « Sunshine Act », in riferimento alla denominazione statunitense delle leggi sulla libertà d’informazione.
[4] Articolo in inglese, Science, 3 novembre 2009, ‘Roundup 11/3 The Brink Edition ‘.
[5] Articolo in nederlandese, ‘De Farma maffia Deel 1 Osterhaus BV ‘, 28 novembre 2009.
[6] Articolo in nederlandese, Ministerie van Volksgezondheid, Welzijn en Sport, ‘Financiële belangen Osterhaus waren bekend Nieuwsbericht ‘, 30 settembre
2009.
[7] Albert Osterhaus , Commission Européenne, « Recherche ».
[8] Ibid.
[9] Articolo in inglese, Jane Corbin, Interview with Dr Albert Osterhaus (« Entretien avec le Docteur Albert Osterhaus »), BBC Panorama, 4 ottobre 2005.
[10] Articolo in tedesco, Karin Steinberger, ‘Vogelgrippe : Der Mann mit der Vogelperspektive ‘, Süddeutsche Zeitung, 20 ottobre 2005.
[11] Ibid
[12] Articolo in tedesco, ‘Schweinegrippe—Geldgieriger Psychopath Auslöser der Pandemie ? ‘, Polskaweb News.
[13] Articlolo in inglese, Ab Osterhaus, ‘External factors influencing H5N1 mutation/reassortment events with pandemic potential’ («Fattori esterni ad alto potenziale pandemico che entrano in gioco nei casi di nutazione e riassortimento del virus H1N1 »), OIE, 7-9 octobre 2008, Verona. Download http://www.oie.int/eng/info_ev/Other%20Files/Verona%202008/osterhaus.pdf
[14] Articolo in inglese, Health Advisory, Swine Flu Overview , aprile 2009.
[15] Articolo in inglese, Biosurveillance
, Swine Flu in Mexico- Timeline of Events, 24 aprile 2009. [16] Citato nell’articolo in nederlandese di Louise Voller et Kristian Villesen, ‘Stærk lobbyisme bag WHO-beslutning om massevaccination ‘, Information, Copenhagen, 15 novembre 2009.
[17] Articolo in inglese, Jane Bryant, et al, ‘The One Click Group Response : Prof. David Salisbury Threatens Legal Action’ («Il Professor David Salisbury risponde al gruppo One Click con la minaccia di un’azione giudiziaria»), 4 marzo 2009. Download http://www.theoneclickgroup.co.uk/documents/vaccines/David%20Salisbury%20Threatens%20One%20Click.pdf.
[18] Prof. David Salisbury citato nell’articolo in inglese ‘Swine flu vaccine to contain axed additive ‘ («Il vaccino per l’influenza A conterrebbe un adiuvante ritirato dal mercato»), London Evening Standard et Gulf News, 28 settembre 2009.
[19] Articolo in tedesco, Bert Ehgartner, ‘Schwindel mit der Schweinegrippe Ist die Aufregung ein Coup der Pharmaindustrie ? ”
[20] Tom Jefferson, Incontro con l’epistemologo: «A whole industry is waiting for a pandemic », Der Spiegel, 21 luglio 2009.
[21] Ibid
[22] Articolo in nederlandese, Louise Voller, Kristian Villesen, ‘Mystisk ændring af WHO’s definition af en pandemi ‘, Copenhagen Information, 15 novembre 2009.
[23] Articolo in inglese, Rob Stein, ‘Flu Pandemic Could Be Mild ‘ («La pandemia di influenza potrebbe essere moderata»), Washington Post, 8 dicembre 2009.
[24] Articolo in nderlandese ‘Russland fordert internationale Untersuchung ‘, Polskanet, 5 dicembre 2009.

 

Fonte: www.comedonchisciotte.org

 

======================================================================================================

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Intervento di Wolfang Wodarg (ex Presidente della Commissione sanità del Parlamento europeo)

=================================================================================

 

 

 

*pandemia: audizione dell’OMS al Parlamento Europeo*

 

 Il 26 gennaio scorso si è tenuta a Strasburgo un’audizione pubblica presso l´Assemblea Parlamentare del Consiglio Europeo (PACE), organizzata dal  Committee on Social, Health and Family Affairs, alla quale l’OMS  (Organizzazione Mondiale della Sanità) era invitata a rispondere sulla  gestione dell’influenza suina . Dopo l’intervento di Wolfang Wodarg (ex  Presidente della Commissione sanità del Parlamento europeo) – che ha  sollevato il problema – e le prime risposte di Keiji Fukuda dell’OMS e Luc  Hessel rappresentante delle Industrie di vaccini europee, si è aperto un

 ampio e vivace dibattito che ha coinvolto personalità di vari paesi  europei. La discussione ha messo in luce un clima diffuso di perplessità  per le scelte fatte dall’OMS e per il ruolo svolto dall’industria in tutta  questa vicenda. Ci auguriamo che sia l’inizio di un’ampia riflessione  sugli attuali meccanismi delle decisioni di sanità pubblica e sugli

 effetti dei legami tra gli esperti delle commissioni dei più alti livelli  decisionali e l’industria farmaceutica. Si tratta di un evento di  particolare interesse, da seguire con attenzione. La stampa italiana non  ne ha dato notizia.

 

 Nella* mozione di Wodarg

 http://assembly.coe.int/Documents/WorkingDocs/Doc09/eDOC12110.pdf

 firmata da altri 13 membri dell’Assemblea parlamentare, si legge che ‘per  promuovere i loro farmaci e vaccini brevettati, le compagnie farmaceutiche  hanno influenzato scienziati e agenzie ufficiali, responsabili della

 salute pubblica, allarmando i governi di tutto il mondo. Inducendoli a  sperperare le scarse risorse della sanità pubblica per strategie vaccinali  inefficaci ed esponendo inutilmente milioni di persone sane al rischio di

 reazioni avverse sconosciute di vaccini non testati a sufficienza. La  campagna per l’influenza aviaria (2005/2006) sommata alla campagna per  l’influenza suina, sembrano aver causato una grande quantità di danni non  solo per alcuni pazienti vaccinati e per i bilanci della sanità pubblica,  ma anche per la credibilità e l’affidabilità di importanti agenzie

 sanitarie internazionali. La definizione di una pandemia allarmante non  deve essere presa sotto l’influenza di venditori di farmaci. Gli Stati  membri del Consiglio d’Europa – conclude Wodarg – dovrebbero chiedere  un’indagine immediata delle conseguenze a livello sia nazionale che  europeo.’

 

 DI FIONA MACRAE

 www.dailymail.co.uk

 

 Le case farmaceutiche hanno approfittato della paura per l’influenza  suina, afferma il presidente della sanità europeo

 L’epidemia di influenza suina era una ‘falsa pandemia’ spinta dalle  compagnie del farmaco che hanno fatto in modo di guadagnare miliardi di  sterline approfittando di un allarme su scala mondiale, ha affermato uno  dei maggiori esperti di salute.

 Wolfgang Wodarg, presidente della commissione Sanità del Consiglio  d’Europa, ha accusato i produttori di farmaci e vaccini antinfluenzali di  aver manipolato le decisioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità  affinché si proclamasse lo stato di pandemia.

 Questo ha permesso alle società farmaceutiche di assicurarsi ‘enormi  guadagni’, mentre i paesi, incluso il Regno Unito, hanno ‘sperperato’ il  proprio magro budget sanitario, con milioni di persone vaccinate contro  una malattia relativamente mite.

 Una risoluzione proposta dal Dr Wodarg chiede che si proceda ad  un’indagine sull’incarico che le società del farmaco hanno ricevuto da  parte del Consiglio d’Europa, il ‘senato’ con base a Strasburgo  responsabile della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo.

 Un dibattito urgente su questo tema dovrebbe avere luogo alla fine di  questo mese.

 La richiesta del Dr Wodarg è arrivata nonappena è emerso che il governo  britannico sta cercando disperatamente di sbarazzarsi di 1 miliardo di  sterline in vaccini contro l’influenza, ordinati nel momento di massimo  allarme.

 Il Ministero della Sanità aveva previsto circa 65.000 morti, allestito  un’apposita linea di consulenza (telefonica, ndt) e un sito web, sospeso  le normali regolamentazioni per poter distribuire i farmaci antinfluenzali  senza bisogno di prescrizione, e allertato le autorità sanitarie e locali  affinché si preparassero ad un’imponente pandemia.

 Si era fatto in modo di allestire gli obitori per il gran numero di morti  attesi e c’erano stati avvertimenti riguardo al fatto che l’Esercito  sarebbe potuto intervenire per prevenire disordini dovuti alla ricerca dei  medicinali.

 Ma con meno di 5000 casi di malattia in Inghilterra la scorsa settimana e  solo 251 morti in tutto, il Dr Wodarg ha definito l’epidemia di H1N1 come  ‘uno dei maggiori scandali del secolo’.

 Ha dichiarato: ‘Abbiamo avuto una blanda influenza – e una falsa  pandemia’.

 Ha aggiunto che i semi del terrore erano stati seminati cinque anni fa,  quando si era paventato che un virus ben più letale come quello  dell’influenza aviaria sarebbe potuto mutare divenendo pericoloso per gli  umani.

 L’atmosfera di ‘panico’ ha fatto sì che i governi facessero scorta di  medicinali antinfluenzali come il Tamiflu e sottoscrivessero ‘contratti  dormienti’ (ovvero, che entrano in vigore nonappena viene dichiarato lo  stato di pandemia, ndt) per milioni di dosi di vaccino.

 Il Dr Wodarg ha dichiarato: ‘I governi hanno siglato contratti con i  produttori del vaccino in cui si assicurano in anticipo le ordinazioni,  addossandosi quasi tutta la responsabilità.’

 ‘In questo modo i produttori dei vaccini sono sicuri di realizzare enormi  profitti senza alcun rischio finanziario’.

 ‘Poi gli basta aspettare che l’OMS dica ‘pandemia’ e rendere attivi i contratti.’

 Sostiene anche che per favorire ulteriormente i propri interessi, le  principali aziende farmaceutiche avrebbero piazzato i ‘loro uomini’ negli  ‘ingranaggi’ dell’OMS e di altre organizzazioni influenti.

 Ha poi aggiunto che il loro ascendente avrebbe potuto spingere l’OMS ad  ammorbidire la definizione di pandemia – portando alla dichiarazione di  un’epidemia mondiale lo scorso Giugno.

 Il Dr Wodarg ha detto: ‘Per poter promuovere i farmaci e i vaccini  antinfluenzali, entrambi brevettati, le compagnie farmaceutiche hanno  plagiato scienziati ed agenzie ufficiali, responsabili degli standard  della sanità pubblica, di modo che allarmassero i governi di tutto il  mondo.’

 ‘Hanno fatto in modo che venissero sperperate preziose risorse sanitarie  per strategie di vaccinazione inefficienti ed hanno inutilmente esposto  milioni di persone in buona salute al rischio degli effetti collaterali  sconosciuti di vaccini non sufficientemente testati.’

 Non fa il nome di nessun personaggio britannico con conflitti di  interesse.

 Ma lo scorso anno il Daily Mail ha rivelato che Sir Roy Anderson, uno  scienziato incaricato di fare consulenza al governo sull’influenza suina,  ha anche un incarico da 116.000 sterline l’anno presso il consiglio della  GlaxoSmithKline.

 La GSK produce farmaci antinfluenzali e vaccini, e si preannuncia come una  delle maggiori beneficiarie della pandemia.

 Il Ministero della Sanità sostiene che, sebbene la malattia sembri essere  in fase calante, non si possa escludere una terza ondata ed incoraggia le  persone consigliate a vaccinarsi a farlo.

 Il professor David Salisbury, il dirigente governativo responsabile  dell’immunizzazione, ha affermato che non c’è ‘alcuna ragione’ per i  reclami del dottor Wodarg, sostenendo che le persone con conflitti di  interesse sono state tenute fuori dai processi decisionali.

 Un portavoce della GSK ha detto: ‘Accuse di coercizione indebita della  volontà sono fuorvianti ed infondate. L’OMS ha dichiarato che l’influenza  suina H1N1 corrispondeva ai criteri della pandemia’.

 ‘Come ha dichiarato l’OMS, esistono norme legali e numerosi strumenti di  salvaguardia per gestire possibili conflitti di interessi’.

 La compagnia, presso la quale Sir Roy lavora ancora, afferma che lui ha  reso noti i propri interessi commerciali e che non ha partecipato ad alcun  incontro relativo all’acquisto di farmaci o vaccini, né incaricato dal  governo né dalla GSK.< /o:p>

 Fiona Macrae

 Fonte: www.dailymail.co.uk

 Link: http://www.dailymail.co.uk/news/article-1242147/The-false-pandemic-Drug-firms-cashed-scare-swine-flu-claims-Euro-health-chief.html   11.01.2010

 Scelto e tradotto per www.comeddonchisciotte.org da ELISA NICHELLI

Fonte: www.comedonchisciotte.org

 

======================================================================================================

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

I media stanno riprovando a spingere su una fantomatica nuova ondata di H1N1

==================================================================================================

 

 

 Roma, 21 gen. – (Adnkronos/Ign) – In Italia continua il calo dell’incidenza del virus A/H1N, ma la stagione influenzale non è finita, come ci ricordano i casi registrati a Torino. Sono cauti gli esperti dell’Istituto superiore di sanità (Iss), dopo la notizia delle tre persone, due uomini e una donna, ricoverate all’ospedale Molinette del capoluogo piemontese con sindrome da stress respiratorio acuto in corso di infezione da virus A/H1N1.

 

Per Stefania Salmaso, direttore del Centro nazionale di epidemiologia, infatti, ‘non ci sono novità a livello nazionale e i tre pazienti di Torino non devono far pensare a una recrudescenza’. Tuttavia, sottolinea, ‘i casi gravi possono continuare a verificarsi nelle persone appartenenti alle fasce a rischio e per questo è importante la vaccinazione’

 

A invitare alla cautela anche Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive, parassitarie e immunomediate dell’Istituto: ‘E’ presto per dire se siamo alla vigilia di una nuova ondata di virus A/H1N1. Anche se l’inverno non è ancora finito e dunque questa eventualità non si puo’ ancora escludere. Nel frattempo l’Istituto eseguirà gli esami sui campioni prelevati ai tre pazienti. ‘Siamo stati incaricati dal ministero della Salute di analizzare e tipizzare i virus dei pazienti ricoverati – ricorda Rezza – Dunque continueremo il monitoraggio virologico, che finora ha rilevato mutazioni solo in casi molto sporadici. Resta importante ribadire l’efficacia del vaccino per prevenire casi gravi, e dunque è importante ricordare ai soggetti a rischio di complicanze che la campagna vaccinale continua’.

 

Sono intanto stabili le condizioni dei tre pazienti ricoverati nel reparto di rianimazione del nosocomio torinese e sottoposti a Ecmo, la circolazione extracorporea respiratoria del sangue. Lo riferisce all’Adnkronos salute il direttore sanitario delle Molinette, Roberto Arione.

 

La donna, originaria del Bangladesh ma residente in Italia, è affetta da problemi di obesità e quindi considerata a rischio. ‘Si è presentata al Pronto soccorso dell’ospedale torinese Giovanni Bosco il 13 gennaio ed è stata trasferita in Rianimazione alle Molinette il 16’, precisa il direttore. Gli uomini sono un italiano 55enne cardiopatico e un ragazzo romeno di 25 anni, che lavora all’aeroporto di Torino. ‘Il paziente italiano si è presentato al Pronto soccorso delle Molinette il 16 ed e’ stato trasferito al Reparto di rianimazione il 19. Anche il ragazzo romeno è stato trasferito in Rianimazione il 19. Le sue condizioni, rispetto agli altri due pazienti, sono meno gravi, infatti è sottoposto ad Ecmo parziale’, puntualizza.

 

Era dalla fine dell’anno che non si verificavano ricoveri in Rianimazione per il virus A/N1H1. Tuttavia, spiega Marco Ranieri, direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva, ‘parlare di una nuova ondata del virus è prematuro. Bisogna vedere se questo dato verrà confermato su scala nazionale’.

 

 

Fonte: http://www.adnkronos.com

 

 

 

======================================================================================================

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

LA BUFALA DELLA SUINA SI STA SPEGNENDO TRA SCANDALI E RIDICOLO

==================================================================================================

 

 

 

Alla Fine ci danno ragione

 

Vaccino per il virus H1N1, Novartis-Governo Ecco il contratto segreto

 

di Adele Sarno

Fino ad oggi non si avevano idee chiare sul numero delle dosi di siero vaccinale acquistate, sui tempi di consegna, sui prezzi. Ma l’accordo tra la casa farmaceutica e il governo italiano per fronteggiare l’eventuale pandemia del virus H1N1 non è più un segreto

 

Novartis è obbligata a produrre le dosi di vaccino e a rispettare l’accordo con il ministero della Salute. Ma solo fino a quando ciò sia ritenuto ‘ragionevole’. E ancora, se il siero vaccinale è dannoso per la salute ”il Ministero è tenuto a tenere indenne Novartis da qualsiasi perdita che l’azienda sia tenuta a risarcire in conseguenza di danni a persone e cose causati dal prodotto”. In altre parole, se il vaccino fa male a chi lo assume paga lo Stato. La multinazionale risponde soltanto dei difetti di fabbricazione. Infine, se il prodotto non viene consegnato per mancato ottenimento dell’autorizzazione all’immissione al commercio e di prove cliniche positive, è ancora il Ministero a pagare. Il forfait è di 24 milioni di euro netti.

 

Il contratto tra la casa farmaceutica e il governo italiano per fronteggiare l’eventuale pandemia del virus H1N1 non è più un segreto. Lo pubblica il sito del mensile Altreconomia, proprio adesso che Ferruccio Fazio, ministro della Salute, in un’interrogazione ha annunciato che ha annullato metà delle dosi che avrebbe dovuto ricevere dalla Sanofi, cioè 24 milioni.

 

Fino ad oggi non si avevano idee chiare sul numero delle dosi di siero vaccinale acquistate dalla Novartis, sui tempi di consegna, sui prezzi. L’unica cosa nota dell’accordo con la multinazionale era che la Corte dei conti aveva ‘bacchettato’ il governo perché colpevole di aver accettato clausole troppo favorevoli all’azienda. Fra queste l’assenza di penali, l’acquisizione da parte del ministero dei rischi e il risarcimento alla multinazionale per eventuali perdite.

 

Il contratto è stato firmato il 21 agosto 2009 tra il direttore generale del ministero, Fabrizio Oleari, e l’amministratore delegato di Novartis Vaccines, Francesco Gulli. Nel testo si regolamenta l’acquisto diretto di 24 milioni di dosi di vaccino. Costo: 184 milioni di euro, iva inclusa. Di queste sono state prodotte e consegante dieci milioni di dosi. Mentre quelle usate sono quasi 900 mila. Il contratto si può leggere e scaricare, sebbene ci sia la presenza di omissis.

 

Nell’articolo 1 si stabilisce che Novartis è obbligata a produrre e a rispettare il contratto ma solo fino a quando ciò sia ‘ragionevole’. Dove per ‘sforzi commercialmente ragionevoli’ si intende che l’azienda si impegna ad adempiere all’incarico ma che laddove intervengano ‘fattori esulanti dal pieno controllo della Novartis’ l’accordo decade, e lo Stato paga lo stesso (art.3.1).

 

Tra questi: ”La disponibilità di uova e di altri materiali e il successo delle sperimentazioni cliniche necessarie a convalidare le caratteristiche di sicurezza e immunogenicità del prodotto”.

 

La confezione? Decide l’azienda. Ancora, il ministero non è autorizzato ad apportare modifiche alla confezione né a oscurare marchi su di essa. Alterare, oscurare, rimuovere o manomettere il marchio commerciale.

 

La consegna e la spedizione. La multinazionale – si legge nell’articolo 3 – si impegna a consegnare entro una data concordata il vaccino, ma qualora non sia in grado di consegnare il prodotto basta una comunicazione al Ministero sette giorni prima della scadenza, per ottenere un rinvio concordato tra le parti. E se il ministero si dovesse trovare impossibilitato a ritirare il prodotto Novartis potrà rivenderlo ad altri clienti o fatturare al ministero quanto non ritirato, con la possibilità di rivenderlo comunque dopo 90 giorni.

 

Articolo 4: garanzie e indennizzi. E se dall’assunzione del vaccino deriva un danno alla salute? L’azienda non è responsabile. Si legge nell’articolo 4.6: ”Il Ministero è tenuto a indennizzare, manlevare e tenere indenne Novartis da qualsiasi perdita che l’azienda sia tenuta a risarcire in conseguenza di danni a persone e cose causati dal prodotto”. In altre parole se il vaccino è dannoso paga lo Stato. La multinazionale risponde soltanto dei difetti di fabbricazione.

 

Prezzo. Il prezzo per ciascuna dose di vaccino è pari a 7 euro. Totale: 168 milioni di euro più iva. Il ministero dovrà pagare entro 60 giorni dall’emissione della fattura, su un conto corrente del Monte dei Paschi di Siena (articolo 5).

 

Cause di forza maggiore. Ministero e azienda non sono responsabili l’uno nei confronti dell’altra se intervengono cause di forza maggiore. Quelle che limitano le responsabilità di Novartis vengono estese a situazioni che dovrebbero invece essere garantite da Novartis, come ‘epidemie e pandemie’, ‘atti di qualsiasi autorità pubblica’, ‘atti di enti sopranazionali”, come per esempio l’Oms (art. 8.3).

 

Durata e risoluzione (9.3). Nel caso in cui il vaccino non possa essere consegnato per mancato ottenimento dell’autorizzazione all’immissione al commercio e di prove cliniche positive, il ministero paga Novartis con un forfait: 24 milioni di euro netti. E per chiudere, nell’articolo dieci, le parti si impegnano a mantenere assoluto riserbo sulle informazioni riservate..

 

Fonte: http://canali.kataweb.it

 

 

OMS, influenza suina e soldi persi 

Avevano detto:

 

‘La pandemia di nuova influenza ‘non si può fermare”. ‘A questo punto occorre adattare la strategia di contrasto alle situazioni nazionali, tenendo presente comunque la necessità di immunizzare gli operatori sanitari per garantire l’assistenza alla popolazione nel corso della prossima stagione influenzale, in autunno’.

 

A illustrare le indicazioni emerse dal recente incontro del Comitato di spe******ti sull’influenza dell’Organizzazi
one mondiale della sanità, la settimana scorsa, è Marie-Paule Kieny, direttore dell’Initiative for Vaccine Research dell’Oms, nel corso di una teleconferenza da Ginevra.’

 

Malgrado molti esperti avessero avvisato in largo anticipo che questa pandemia non solo non era pericolosa ma che era stata dichiarata più per ‘interessi economici’ (senza però puntare il dito su nessuno di preciso) che per proteggere la popolazione, molti media e l’OMS hanno fatto in modo che questa ‘influenza’ diventasse il pericolo sanitario numero uno per tutti gli Stati del mondo.

 

Risultato?

 

Ogni Stato del mondo occidentale, Italia compresa, ha speso centinaia di milioni in vaccini, che non solo non sono praticamente stati utilizzati, ma di dubbia utilità (almeno per le persone sane), visti i bilanci in termine di vittime e di ricoveri.

 

Ora dicono:

‘Fare luce sul massiccio acquisto di vaccino contro l’influenza A, sull’allarme diffuso a sproposito e sugli arricchimenti e il danno per le casse dello Stato’. Lo chiede il capogruppo del Pdl al Senato, Maurizio Gasparri.

 

‘Influenza A, vendita dei vaccini in saldo: nei magazzini milioni di dosi inutilizzate’.

 

‘La Francia cede al Qatar 300mila fiale, la Germania tratta con l’Ucraina per 2 milioni di dosi, l’Italia deciderà a febbraio’.

 

‘La Germania è in concorrenza con la Francia per cedere. E proprio la Germania avrebbe intenzione di rivendere oltre due milioni di dosi di vaccino: ne ha ordinate 50 milioni (su una popolazione di 80 mln di persone) quando si pensava fossero necessarie due dosi a persona. Finora solo poco più del 5% della popolazione si è vaccinata’.

 

‘Spagna e Svizzera pronti a vendere. L’intenzione di rivendere il vaccino sarebbe anche della Spagna, e pure la Svizzera si avvia a rivendere circa 4,5 mln dei 13 mln di dosi acquistate’.

 

«Nessuna decisione è stata assunta ed occorre prima arrivare alla fine della campagna vaccinale. È però evidente – ha sottolineato il direttore generale Prevenzione e sanità del ministero della Salute, Fabrizio Oleari – che l’Italia è tra i paesi Ue che hanno acquistato un minor numero di dosi e già esiste l’impegno a donare all’Oms il 10% delle scorte in favore dei Paesi più poveri» (Fonte)

 

Un po’ tardi per accorgersi che la spesa è stata ‘leggermente’ alta per questa ’emergenza’.

 

Chi ci ha rimesso siamo sempre e solo noi cittadini comuni, visto che i soldi spesi per i vaccini erano i nostri.

 

Reazioni dalla gente normale?

 

Praticamente nulle.

 

Ora l’OMS può solo sperare che il virus muti in maniera aggressiva e maggiormente mortale oppure la propria reputazione potrebbe essere messa in dubbio, come la propria correttezza nel gestire questa emergenza.

 

Ma visti gli ultimi dati, questa mutazione potrebbe non arrivare, o almeno da parte di ‘madre natura’.

 

La mano umana, si sa, può fare di tutto invece.

 

Gli ultimi dati dell’ECDC confermano in maniera glaciale che questa emergenza, in reltà, non era davvero così grave.

 

Decessi nel mondo 12970, in Europa 1923, in Italia 188 (Aggiornato al 31 dicembre 2009).

 

Un’emergenza ‘sospetta’ dichiarata in tempi ‘sospetti’ dall’OMS. Un’emergenza che ha indebolito le casse di molti Stati per acquistare vaccini ed antivirali. Un’emergenza che ha prodotto enormi profitti. Un’emergenza ‘esagerata’ da molti media. Un’emergenza commentata in maniera corretta da pochi media. Un’emergenza commentata in maniera corretta da molti siti internet, molti dei quali avevano già espresso forti dubbi sulla reale pericolosità di questa influenza.

 

Reazioni avverse al vaccino in Italia:

‘Nella settimana dal 21 al 27 dicembre sono state inserite in rete 49 segnalazioni di sospette reazioni avverse al vaccino Focetria di cui 5 gravi, 38 non gravi e 6 con gravità non definita. Complessivamente dall’inizio della campagna vaccinale con Focetria, a fronte di 838977 dosi di vaccino somministrate di cui 22.249 a gestanti al secondo/terzo trimestre di gravidanza, risultano presenti in rete 940 segnalazioni di sospette reazioni avverse per la maggior parte non gravi (802) in segnalazioni pari a 85,3%, in 71 casi pari 7,6% al la gravità non è stata definita, 65 sono i casi gravi corrispondenti a 6,9% e 2 i decessi (0.2%)’.

 

L’attuale ministro della salute, Fazio, definì ‘sicuri’ questi vaccini.

 

Queste sono segnalazioni di avversi avvenuti nelle ore immediate alla somministrazione, degli avversi a lungo termine nessuno ne sa o ne saprà nulla.

 

Se tutti i 24 milioni di italiani si fossero vaccinati contro questa ‘banale’ influenza definita dall’OMS ‘pandemia’ quanti sarebbero stati gli avversi?

 

A voi un calcolo di quello che viene oggi definito ‘costo beneficio’ di un vaccino.

 

Ma beneficio per chi?

 

A voi lettori la
risposta.

http://www.agoravox.it

 

Vaccini sull’influenza A: dal sospetto alla vergogna

di Oliviero Beha

”Che quello dei vaccini per prevenire o ridurre l’effetto del Virus A sia un pasticcio, è l’unica cosa certa della faccenda. Non lo dico io, che non conto nulla, bensì ahimé la realtà. E trattare la questione in modo calcistico come ormai si fa per tutto in Italia, dal destra/sinistra a escort/trans al Ponte sullo Stretto eccetera eccetera, serve solo a rimbambire ulteriormente un popolo già sufficientemente rimbambito di suo dalla realtà (ndr.: smettetela di vederla da destra o da sinistra, siamo tutti inguaiati…). Ma qui la cosa è ancora più grave, essendoci di mezzo la salute, la salute dei bambini, la salute dei neonati: è come sparare su civili indifesi e disarmati…”. Ho virgolettato questo periodo perché è una citazione. Anzi, un’autocitazione. L’avete già letto, credo.

La polemica con il professor Fernando Aiuti – Era il 10 novembre dell’anno scorso, l’inizio di un mio intervento proprio qui, su questo portale. Il giorno dopo sono stato ospite di Exit, la trasmissione della gestante D’Amico su La7. Avevo di fronte un luminare come il professor Fernando Aiuti e un direttore generale del Ministero. Solo perché ho ripetuto le cose già scritte qui – che quindi potete tranquillamente rileggervi per avere un’idea più chiara e allargata se non vi è di troppo sforzo – e precedentemente affrontate sul mio behablog, me ne hanno dette di tutti i colori, non rispondendo mai nel merito. La sostanza delle accuse e addirittura inizialmente delle offese era all’incirca: ”Ma come ti permetti tu profano di interloquire con noi esperti della materia?”.

Ora viene fuori la verità degli affari e delle chiacchiere – Oggi, a due mesi di distanza, e siamo solo al 5 di gennaio, la verità dei fatti sta smascherando vistosamente la verità degli affari e delle chiacchiere sui vaccini, il virus H1N1, la febbre suina ecc.. Anche se i numeri ancora contrastano, e prendendo per buoni quelli per eccesso e non per difetto, si sono vaccinati meno di 800 mila italiani e solo il 15% tra medici e personale del ramo. Le vittime finora sarebbero (anche qui per eccesso perché tutt’altro che chiaramente attribuibili al virus e non ad altre cause) 193, le dosi di vaccino restanti 23 milioni dei 24 prenotate e pagate alla fornitrice, la multinazionale Novartis, senza né penale né possibilità di restituzione né alcuna vera clausola di garanzia per i compratori. A scatola chiusa, insomma. E già i media per lo più insistono che la ”fregatura”, cioè soldi pubblici male investiti (184 milioni e 80 mila euro al netto dell’Iva), è stata peggiore per altri paesi, come se il punto fosse il ”mal comune mezzo gaudio” del famigerato proverbio.

I dati condannano gli investimenti sui vaccini –  Invece il punto è un altro, e assai più grave. Ma ci arriviamo. Un mese dopo quel mio articolo sui vaccini qui e quella trasmissione che come ogni cosa che attiene alla salute suscitò anche ovviamente e giustamente un vespaio, il 12 dicembre su un altro blog mio, Italiopoli, ho pubblicato questo post di uno studioso italiano molto conosciuto come naturopata, cioè Luca Avoledo, che ha un approccio alla malattia o meglio alla salute diverso e sempre più diffuso sul pianeta. Ne riporto l’inizio. ” Come molti avevano preannunciato – tra cui noi -, l’allarme suscitato dalla nuova influenza suina A H1N1 è stato eccessivo e non giustificato. Lo documenta oggi una ricerca americana. Dubbi anche sull’efficacia dei farmaci. Vittime in Italia: 137. Tasso di mortalità: bassissimo, lo 0,0033% (contro quello molto più alto, pari allo 0,2%, dell’influenza stagionale). Tutto il mondo gettato nel panico: ingiustificatamente. Miliardi spesi per fare scorta di farmaci: buttati al vento. Corsa affannosa al vaccino: inutile. L’allarme per l’influenza messicana, poi influenza suina, poi influenza A H1N1, non aveva fondamento. Uno studio americano, condotto dall’Harvard School of Public Health e pubblicato su PLoS Medicine, oggi rivela che la pandemia di nuova influenza è stata la più debole della storia e il virus della A H1N1 è un virus ”blando”. Non bastasse, a detta del British Medical Journal, il farmaco impiegato nella terapia della nuova influenza A H1N1 non è efficace nel prevenirne le complicanze respiratorie, come la polmonite…”. E non mi dedico almeno qui e oggi alla ricostruzione della storiaccia, dei convolgimenti internazionali politici, economici, farmaceutici di questa ”febbre suina” venuta così a puntino per il grande investimento (o smaltimento?) delle dosi di una multinazionale che sembra arrivare dappertutto, compresa ovviamente la nostra classe politica.

Come facciamo a fidarci delle scelte politiche sulla salute pubblica ? – E qui mi dispiace ma le responsabilità sono corali ma non le stesse per gravità. Si parte dal Ministero competente, si toccano per li rami le parentele, si coinvolgono i media che non hanno fatto il loro lavoro e un’opposizione che non ha chiesto chiarezza e controlli come doveva. Resta il punto a mio giudizio più grave: come facciamo a fidarci delle scelte politiche sulla salute pubblica dopo casi/fatti/fattacci come questo? Ci si rende conto del tremendo colpo alla credibilità del tutto dopo il cazzotto inferto alla nostra salute per gli eventuali rischi collaterali dei vaccini in questione e quello alle nostre tasche? Davvero ci rimane solo la consolazione che ”tutto il mondo è paese” ? E se altrove inchieste adeguate ci si augura che scoprano e facciano puni
re i responsabili di questo pasticcio prima sospetto e ora vergognoso, nel paese dei De Lorenzo e dei Poggiolini che cosa vi aspettate che accada?

 

Fonte: http://notizie.tiscali.it

 

CAMPAGNA NAZIONALE SUI PERICOLI DELLA VACCINAZIONE:

GLI ITALIANI NON SONO CADUTI NELLA TRAPPOLA

 

 

Poche le persone che si sono vaccinate rispetto alle dosi acquistate dal governo. Roberto Gava, medico esperto di vaccinazioni, fa un primo bilancio: la diffusione d’informazioni indipendenti rimane la priorità.

L’industria farmaceutica è ancora troppo potente.

 

Anche se la stagione influenzale non è completamente passata, possiamo dire di aver vinto la nostra battaglia informativa presso l’opinione pubblica che aveva come obiettivo quello di spiegare non solo l’inutilità ma anche i danni della vaccinazione antinfluenzale contro il virus della ”Suina” A/H1N1. Infatti, sono state pochissime (si parla di circa 700.000, invece delle decine di milioni attese) le persone che hanno accettato questa vaccinazione.

 

Purtroppo, questa vittoria ci lascia anche molto amaro in bocca, perché con frequenza sempre maggiore stanno arrivando segnalazioni di danni da vaccino antinfluenza ”Suina” e purtroppo anche registrazioni di eventi mortali.

Inoltre, il nostro Paese, come molti altri (ma non tutti) ha acquistato decine di milioni di dosi di vaccini, si è impegnato a pagarle prima ancora di conoscere se questo vaccino era innocuo ed efficace e ha addirittura accettato di riceverle gradualmente fino alla fine del marzo 2010 (in modo da dare tempo all’Industria Farmaceutica di produrle e pur sapendo che questa epidemia influenzale sarebbe durata poco tempo e che sarebbe terminata prima della fine del 2009). Perché questo comportamento e chi paga questi milioni di euro di vaccini?

 

 

Ricordiamo pure che ogni anno il nostro Paese spende più di 100 milioni di euro delle nostre tasse per pagare una altrettanto inutile e altrettanto pericolosa vaccinazione antinfluenzale stagionale.

Forse che nel campo sanitario non ci siano priorità maggiori?

Sappiamo tutti che ce ne sono ma, a quanto pare, le politiche sanitarie non tengono conto sempre delle vere necessità della popolazione e pare che meno ancora tengano conto dei dati scientifici (o almeno di quelli ottenuti da ricercatori indipendenti dall’Industria Farmaceutica), che da anni hanno dimostrato l’inutilità e la pericolosità di qualsiasi vaccino antinfluenzale.

 

Si dice che il vaccino contro la ”Suina” sia stato un test per vedere come avremmo reagito, in modo che chi decide tutto possa perfezionare meglio le azioni future che serviranno a convincerci che sarà ”obbligatoriamente necessario accettare” le future vaccinazioni.

Infatti, non si creda che tutto finisca qui. Nel mondo scientifico c’è già chi ipotizza quali saranno i virus delle future ”pandemie” e le relative future vaccinazioni che ci verranno proposte.

Come l’Industria Farmaceutica prepara per tempo le sue politiche di marketing e studia a lungo le strategie di ”disease
mongering” (cioè di ”invenzione delle malattie”) tessendo accordi e amicizie con i centri di potere e di informazione, allo stesso modo anche noi dobbiamo imparare ad informarci e a restare uniti e ben collegati in modo da non trovarci impreparati davanti ad eventuali piccoli o grandi inganni che a quanto pare in questo ultimo tempo non mancano nel mondo sanitario.

 

Ormai sappiamo che probabilmente ogni autunno potremo dover affrontare un allarme pandemico che all’inizio viene dipinto come catastrofico, ma che poi sfuma nel nulla come dal nulla è venuto e dato che le pressioni future verteranno sempre sui virus influenzali, crediamo sia veramente importante che l’opinione pubblica sia ben informata sulle caratteristiche di questi virus, sulle loro modalità di diffusione, sulla inutilità dei vaccini antinfluenzali vecchi e nuovi, ma anche sulle vere tecniche di prevenzione, sia naturali che farmacologiche.

 

 

Roberto Gava

Roberto Gava è un medico specializzato in Farmacologia Clinica, Tossicologia e Cardiologia, autore del volume L’Influenza Suina A/H1N1 e i Pericoli della Vaccinazione Antinfluenzale. Dopo aver lavorato come ricercatore in ambito universitario, da molti anni studia gli effetti immunitari e clinici dei vaccini. Ha pubblicato vari testi sia divulgativi che scientifici sulle vaccinazioni, tra cui Le Vaccinazioni Pediatriche, La Sindrome Influenzale in bambini e adulti, Vaccinare contro il Papillomavirus?.

Il suo libro sull’influenza A/H1N1, pubblicato a novembre 2009 insieme a Macro Edizioni, non affronta solo l’argomento ”suina”, ma anche tutto quello che è utile sapere in generale sui vaccini antinfluenzali.

 

Macro Edizioni si interessa di vaccinazioni e dei pericoli ad esse connessi fin dall’inizio della sua attività, nel 1987. La pubblicazione di questo volume rientra nell’ambito della campagna nazionale d’informazione sui rischi delle vaccinazioni di massa nella quale la casa editrice è impegnata, anche con una raccolta di firme.

 

Fonte: networkedblogs.com

 

 

 

======================================================================================================

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

VOLANTINO DA DIFFONDERE

                                                           Fronte                                                                     Retro

Per scaricare il volantino cliccare sul link:

http://www.ilfazioso.it/emergenza/

 

Vaccini: informarsi per scegliere.

 

Attualmente non esistono garanzie sull’efficacia dei vaccini, mentre il rischio di effetti collaterali anche gravi è stato accertato da test e statistiche.

La medicina ufficiale e tutti i promotori dei vaccini (incluso probabilmente anche il vostro medico di fiducia), non conoscono veramente le conseguenze a lungo termine sulla salute, ma soltanto ciò che viene veicolato loro tramite i protocolli terapeutici.

 

Esistono molti studi scientifici, documentati da esperimenti, test e statistiche, che dimostrano:

a)      che molti dei soggetti immunizzati contraggono ugualmente la malattia. Anzi il rischio di ammalarsi aumenta, così come quello di diventare portatori sani

b)      che le altre sostanze presenti nei vaccini (conservanti, potenzianti, ecc.) sono ancora più pericolose del virus ”attenuato”, e sono collegate ad un incremento verticale di altre patologie gravi, quali autismo, GWS (sindrome del golfo), epilessia, sclerosi multipla, demenza, Alzheimer, Parkinson, SLA (sindrome laterale amniotrofica), sindrome di down, cancro, infertilità.

E questo è solo un elenco sintetico.

 

Inoltre, molti degli ultimi vaccini creati, con la scusa dell’urgenza della pandemia, non vengono sufficientemente testati prima della commercializzazione, e questo con buona pace dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).

 

A seconda del soggetto che riceve il vaccino, gli effetti collaterali possono anche rimanere silenti, ma preparano comunque il corpo all’insorgenza futura di altri disturbi.

 

Molte sono anche le manovre politiche ed economiche sottostanti, che ci vengono comunicate dai media utilizzando tecniche psicologiche ben precise. In questo modo il cittadino difficilmente riesce a collegare correttamente le notizie apprese e a vedere chiaramente il disegno sottostante, conservando però l’illusione di essere sufficientemente informato.

 

Molti medici e associazioni si schierano con decisione contro le vaccinazioni, sia quelle
antinfluenzali di massa che tutte le altre.

 

Qualunque sia il vostro pensiero riguardo alle vaccinazioni, prendete una decisione informata, perché ne avete tutto il diritto. La responsabilità è molto elevata, soprattutto pensando che state giocando con la vostra vita e quella dei vostri figli.

 

========================================================================================================================

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ministro Sanità Francese riceve convocazione da tribunale per Vaccini H1N1

==================================================================================================

 

 

 

H1N1, vaccini e Tamiflu: il ministro della sanità francese  ha ricevuto un ordine  di comparizione dinanzi al Tribunal de Grande Instance!

 

Traduzione di Giuditta.

 

Venerdì scorso, il ministro della Salute francese  Roselyne Bachelot ha ricevuto un ordine  di comparizione  dinnanzi al ‘Tribunal de Grande Instance‘ di Parigi, Lunedì 4 gennaio prossimo alle ore 9, per porre fine al più presto alla campagna  di vaccinazione contro l’influenza H1N1.

Questa procedura giudiziaria è stata avviata per contrastare il ”pericolo imminente” nei confronti della popolazione, da parte dell’associazione Scream Life (Coordinamento della Ricerca Indipendente e Informazioni sulla Salute), presieduto dal Dr. Marc Vercoutère (Pau, Pirenei Atlantiques) e del partito politico Life Policy, presieduto da Christian  Cotten (St-Aubin, Essonne).

 

In un clima di psicosi alimentato  da alcuni esperti, con la drammatizzazione di ”qualche decesso spettacolare” (secondo il Prof . Daniel Floret), i francesi subiscono la promozione commerciale del Tamiflu – che provoca resistenza e acutizza lo stress respiratorio – e la promozione di vaccini altamente tossici il cui permesso di marketing è stato dato troppo rapidamente, nonostante ci sia stato il sospetto di epatiti autoimmuni su 400 bambini testati, e molte malattie autoimmuni negli adulti, in relazione allo squalene (rapporto della FDA del febbraio 2009, e dell’EMEA, l’Agenzia Europea dei Medicinali).

Nonostante una grande sottostima, il primo bilancio dell’EMEA del 17 novembre è stato di 55 morti dopo la vaccinazione su 5,7 milioni di persone, mentre le autorità avevano previsto solo (!) 5,75 morti ogni 10 milioni di vaccinati.

 

Questo rapporto beneficio/rischio, già da adesso negativo, a breve termine, lo sarà molto di più a medio e a lungo termine con lo scatenarsi dei disturbi neuropsichiatrici (autismo, iperattività, ecc …) e ”decine di migliaia di malattie auto-immuni, imputabili al vaccino, come è già successo  con le sclerosi multiple (SM) provocate dal vaccino dell’epatite B” (Professor Marchou, CHU Toulouse).

 

Tra il 1994 e il 2008, l’incidenza della sola Sclerosi Multipla è aumentata da 20.000 a 83.000 casi.

Negli ultimi decenni la giustizia francese  è intervenuta molti anni dopo il verificarsi degli scandali (di corruzione politico/farmaceutico: sangue contaminato, vaccino epatite B, ecc.), ma ora la giustizia francese ha la possibilità di sospendere questa vaccinazione inefficace (come minimo!) e anche l’uso di farmaci antivirali prima che un gruppo di esperti indipendenti, valuti i reali effetti del Tamiflu e di questi vaccini, così da proporre semplici e sicuri strumenti di prevenzione e di trattamento dell’influenza.

 

La nostra giustizia non può più ignorare che l’OMS, i funzionari della sanità pubblica e le aziende farmaceutiche hanno costruito una macchina mondiale di propaganda sulle pandemie.

 

La signora Chan, direttrice dell’OMS, ha dichiarato che l’allarme pandemico aveva raggiunto il livello 6 (!), seguendo i consigli degli esperti asserviti alle lobby farmaceutiche.

Fra questi ”esperti” vi sono: il professor Bruno Lina, presidente per la Francia del GEIG, finanziato al 100% dei fabbricanti dei vaccini contro l’influenza e Osterhaus, consigliere in capo per i problemi riguardanti le malattie virali presso il governo britannico e il governo olandese, il più importante esperto del SAGE (Strategic Advisory Group of Experts) nonché presidente dell’European Scientific Working Group on Influenza (ESWI), finanziato esclusivamente dai più importanti fabbricanti di prodotti farmaceutici e vaccini.

 

Mentre la Polonia ha rifiutato di ordinare questi vaccini, Igor Barinov, presidente del parlamento russo, la Duma, ha da parte sua interpellato l’ambasciatore russo presso l’OMS a Ginevra perché venga avviata un’inchiesta ufficiale sulle testimonianze e prove riguardanti l’importante corruzione all’interno dell’OMS.

Barinov ha domandato che un’inchiesta faccia luce sui legami finanziari fra gli esperti dell’OMS e le case farmaceutiche. Qualora la corruzione venisse accertata La Russia prevede di ritirarsi dall’OMS (ottima idea!). ”E’ di vitale importanza che una commissione internazionale possa essere organizzata per fare un’inchiesta”, ha dichiarato Barinov (Der Spiegel, 12/12/09).

Gli autori della denuncia e i loro avvocati Malika Ouarti (Tribunale di Paris) e Jean-Pierre Joseph (Tribunale di Grenoble) invitano i giornalisti e i cittadini ad assistere numerosi a questa udienza pubblica de référé (1), che si terrà lunedì 4 gennaio alle 9 del mattino, al TGI di parigi, 4 del Palais (75001 Parigi), nell’ufficio del vice presidente Emmanuel Binoche, in presenza degli avvocati delle due parti in causa.

Christian  Cotten . Politique de Vie . www.politiquedevie.net , politiquedevie(at)wanadoo.fr

 Marc Vercoutère . Cri-Vie – www.cri-vie.com , cri-vie(at)neuf.fr

Maître Malika Ouarti . Paris  – bureaujuriconseil(at)orange.fr

 Maître Jean-Pierre Joseph . Grenoble

 

 

Leggi il dossier sull’influenza suina ed i vaccini tossici; scaricalo sul tuo Pc e diffondilo.

http://scienzamarcia.altervista.org/suina.html

 

Leggi e diffondi il dossier della dottoressa Forcades Vila.

http://www.catalunyareligio.cat/documents/tforcades/italianoInfluenzaAForcades.pdf

 

Leggi il documento ipertestuale vaccipiano.

http://vaccipiano.altervista.org/

 

Leggi l’articolo originale: H1N1, vaccini e Tamiflu: il ministro della sanità francese ha ricevuto un ordine di comparizione dinanzi al Tribunal de Grande Instance!

http://scienzamarcia.blogspot.com/2009/12/h1n1-roselyne-bachelot-ha-ricevuto-un.html

 

======================================================================================================

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

DOMANDE SUL VACCINO A-H1N1: RISPONDE L’EDITORE GIORGIO ROSSO

==================================================================================================

 

 

Descrizione: Campagna d’Informazione nazionale sulla Vaccinazione A/H1N1: Giorgio Gustavo Rosso, fondatore del Gruppo Editoriale Macro, risponde a domande e dubbi sull’influenza suina. Per maggiori informazioni visitate il sito http://www.terranauta.it.

 

Filmato su Youtube

 

======================================================================================================

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Diventa PARTE ATTIVA nella campagna di informazione

 

Iniziativa Macro Edizioni Diventa PARTE ATTIVA
della nostra Campagna d’Informazione!

UNIAMO LE NOSTRE VOCI E LE NOSTRE FORZE

LEGGI, SOTTOSCRIVI E DIFFONDI
IL NOSTRO APPELLO
 >>>

A partire da metà ottobre il Ministero della Salute italiano ha distribuito alle Regioni il vaccino contro il virus A/H1N1, che sembra interesserà il 40% della popolazione italiana. 

Ma ad oggi cosa sappiamo veramente
di questa vaccinazione?

L’influenza suina è ormai considerata da tutti più innocua di una normale influenza stagionale. Nell’emisfero australe, dove autunno e inverno vanno da marzo a settembre, e in ogni parte del mondo, la diffusione dell’influenza nell’inverno 2009 è stata simile o inferiore a qualunque precedente influenza. 

Allora perché i governi e i mass media
continuano a consigliare la vaccinazione?

Le sperimentazioni del vaccino sono iniziate a luglio 2009 e nella letteratura scientifica non risulta ancora nessuna documentazione dell’efficacia e della sicurezza del vaccino. Per questo motivo possiamo affermare con tutta tranquillità che non esiste e non può esistere nessuna prova scientificamente e sperimentalmente valida che il vaccino contro il virus A/ H1N1 sia efficace e sicuro, in particolar modo per le donne in gravidanza e i bambini

L’unica certezza è che le più potenti industrie farmaceutiche, appoggiate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da gran parte della stampa, hanno ottenuto e stanno ottenendo ordini per miliardi di dosi di vaccino. Il giro d’affari finale si aggira intorno ai 50 miliardi di euro, una cifra da capogiro che alimenta molti dubbi.

Alla luce di tutto questo il Gruppo Editoriale Macro – che da oltre vent’anni è impegnato, in maniera indipendente e senza conflitti d’interesse, a rendere disponibili informazioni inusuali e difficilmente reperibili sulla salute e su metodi di cura non invasivi – ha avviato una capillare campagna di informazione nazionale per consentire ai cittadini di disporre di più ampie informazioni in modo da prendere scelte più consapevoli in tema di salute e libertà terapeutica.  

Cosa prevede la campagna nazionale di informazione?

 

======================================================================================================

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

La Bufala della Suina ed i soldi bruciati

 

 

Fonte : www.giornalettismo.com

 

di Pietro Salvato. 

 

 

In Italia su 5milioni di dosi disponibili, le vaccinazioni sono state poco più di 600mila. Gli allarmi dell’Oms e di molti media si sono rivelati eccessivi se non addirittura un bluff, che però a conti fatti, hanno favorito solo le grandi multinazionali del farmaco.

 

Quanto è costato il piano vaccinazione agli italiani? Ad oggi manca ancora un dato preciso.

 

 

Secondo il Codacons, l’associazione che tutela i diritti dei consumatori, che ha chiesto al governo di far luce sui costi sostenuti per l’acquisto dei vaccini per l’influenza A, sembra molto. ”Non vogliamo – ha sostenuto il presidente Carlo Rienzi – si facciano regali all’industria farmaceutica”. Marie-Paule Kieny, capo del settore ricerca dell’ Organizzazione mondiale della Sanità ha provato a rassicurarci qualche tempo fa. Ha riferito che una dose di vaccino viene venduta dalle industrie farmaceutiche tra i 2,5 ed i 20 dollari, ma il prezzo verrà differenziato per ogni nazione. I paesi di prima fascia, i più ricchi, pagheranno tra i 10 e d i 20 dollari, i paesi del secondo mondo circa la metà , quelli del terzo di nuovo il 50% di quelli del secondo mondo. Da un semplice calcolo risulta che se fosse stato reso disponibile il vaccino per il 60% degli italiani si sarebbero spesi, a 20 dollari per dose, 720 milioni di dollari pari a più di 500 milioni di euro. Secondo le ultime informazioni disponibili nel bollettino del Ministero della Salute di mercoledì scorso, le vaccinazioni effettuate sono state 611.425 prime dosi e 1.666 seconde dosi. In totale, però, sono state distribuite 5.030.851 dosi di vaccino. Eppure, si era detto che doveva essere una sorta di castigo biblico. Una pandemia di rare proporzioni, con l’aggravante di terribili complicazioni per la salute dell’uomo. Invece l’influenza A, già suina e poi classificata con la quasi misteriosa siglaH1N1, si è palesata molto meno pericolosa della consueta influenza stagionale che, a cadenza annuale, puntualmente mette a letto milioni di italiani. La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, per bocca del suo vicedirettore generale, Keiji Fukuda ha fatto un repentino dietrofront, ridimensionando drasticamente il numero accertato delle vittime riconducibili alla sola influenza suina. ”Al di là del numero dei morti effettivi per contagio – ha sostenuto Fukuda – i casi di influenza certificati da test in laboratorio sono 79 e solo 7, tutti in Messico, si può dire con sicurezza che abbiano avuto un esito letale determinato esclusivamente dalla nuova influenza”.

 

PRECEDENTI ILLUSTRI – Eppure la stessa Oms aveva contribuito non poco all’escalationallarmistica propagatasi sui mass media e, di conseguenza, nella stessa opinione pubblica. L’Oms, per la verità, non è nuova a questa inquietante pratica di divulgazione dei pericoli legati alle pandemie o supposte tali. Infatti, era già successo con la cosiddetta influenza aviaria e, prima ancora, con la famigerata sindrome della mucca pazza. Il risultato di questi allarmi, quantomeno poco ponderati, si è misurato in costi assai elevati per l’economia, con gravi danni alle stesse produzioni avicole e bovine. Per non parlare poi delle pesanti ripercussioni in termini di posti di lavoro persi , di filiere produttive e colture drasticamente ridotte. Insomma, anni ed anni di sacrifici sono finiti, non solo letteralmente, in fumo poiché gli stessi animali sono stati soppressi e poi inceneriti. Pandemie annunciate e poi cadute nel dimenticatoio. Paure ingiustificate che hanno provocato senza ragione un crollo nei consumi con perdite stimate solo nel nostro Paese di 2miliardi per la mucca pazza e un miliardo per il pollame con l’aviaria. Higeru Omi, direttore dell’ufficio dell’Oms del sud-est asiatico, dopo il secondo decesso in Thailandia dovuto all’influenza aviaria, decretava: ”Il virus dei polli può fare milioni di morti, i
governi ci aiutino a combattere l’epidemia”. Il bilancio definitivo dell’aviaria ha provocato, secondo i dati della stessa Oms, 421 contagi e 257 morti. E che dire dellaSars, la sindrome respiratoria acuta, ch e doveva proseguire l’opera devastatrice dell’aviaria. ”La minaccia viene dall’Asia”, sosteneva allarmato Harlem Bruntland dell’Oms di Ginevra. La paura dilagò in mezzo mondo. L’anno successivo, in un altro bollettino dell’Oms, si ridimensionava la pandemia. 8.100 casi, 774 morti in tutto il mondo. Per la suina è scesa in campo la stessa la direttrice dell’ Organizzazione, Margaret Chan. ”E’ un supervirus ignoto – ha detto la Chan -che contiene i tratti genetici di quattro virus”. Sono state pronosticate centinaia di migliaia di possibili vittime nel mondo. Adesso è venuto fuori, come detto, che nel solo Messico, ovvero nell’ epicentro di questa supposta pandemia, sono state solo 7 le vittime sicuramente riconducibili al virus H1N1. Si tratta quindi di cifre assai d iverse da quelle della ”comune” influenza annuale che, sempre in base ai dati Oms, colpisce da 3 a 5 milioni di persone nel mondo ogni anno e ne uccide circa mezzo milione e per questo viene considerata sempre la terza causa di morte per malattie infettive dopo Aids e Tbc.

 

MA COS’È QUESTA OMS? – Oms oppure Who (World Health Organization) è l’agenzia della salute delle Nazioni Unite. Ha sede in Svizzera, a Ginevra per la precisione. E’ per costi, al primo posto nel budget spese dell’Onu. Conta 58mila dipendenti distribuiti nelle trenta agenzie sparse per il mondo La quarta agenzia Onu per affollamento di personale. Il 50% di questidipendenti è inquadrato tra il quarto e il quinto livello con un salario medio lordo che si aggira attorno ai 150mila dollari annui. Ai dipendenti bisogna poi affiancare i collaboratori ed i consulenti notoriamente esperti super pagati. A questo punto entrano in gioco altri potentissimi ”sponsor& rdquo;. Le multinazionali del farmaco, le quali alimentano questo carrozzone mondiale con la scusa di finanziare ricerche, studi e sperimentazioni sotto l’egida dell’Oms. Il famoso farmaco Tamiflu, venduto ai governi di tutto il pianeta ai tempi dell’aviaria e fortemente caldeggiato dall’Oms, ha guadagnato tra il 2006 e il 2007 oltre 3,5 miliardi di dollari.

 

LA BUFALA D’ORO – Da quanto detto sinora emerge abbastanza chiaramente che l’influenza suina è una bufala almeno quanto lo è stata quell’aviaria, alimentata dal grande interesse economico delle case farmaceutiche produttrici dei vaccini e dei medicinali. Il sospetto che dietro l’allarme ci siano le stesse aziende del farmaco è quindi tutt’altro che campato in aria. Un esempio concreto, come ci svela Luca Marcon sul suo blog  è quello della multinazionale elvetica Novartis. All’inizio del 2009 le sue azioni cominciano a calare passando dagli iniziali 52 dollari a poco meno di 35, con una perdita del 33%. Ad inizio aprile 2009 iniziarono, però, a diffondersi sui media le prime notizie di una sedicente ”pandemia influenzale”. Il 25 aprile, in Italia, il Corriere della Sera titolava: ”Virus dai maiali all’ uomo Messico, decine di morti” e ancora: ”Un’infezione che ricorda l’ aviaria: può portare a epidemie”, trascurando, come detto, che l’aviaria è stata un sostanziale bluff. Si inizia così a parlare di acquisti di massa (per svariati miliardi di dollari) di vaccini e medicinali da parte delle strutture sanitarie degli stati occidentali per arginare la ”pandemia”. Guarda caso, proprio allora, le azioni dellaNovartis e quelle di numerose altre multinazionali farmaceutiche cominciano a salire. A giugno (due mesi d opo) iniziano a sorgere i primi dubbi sul fatto che i vaccini non siano abbastanza sperimentati e abbiano diverse controindicazioni. Chi aveva acquistato le azioni, vende subito per speculare un guadagno: eventuali class action, del resto, potrebbero portare ad un nuovo crollo delle azioni delle multinazionali farmaceutiche. Le azioni Novartis subiscono infatti un nuovo stop.

 

ARRIVA BARACK – La segretaria del Dipartimento alla salute ed ai servizi sociali degli Usa, Kathleen Sebelius, amica e sostenitrice di Barack Obama, firma un decreto che concede l’immunità legalealle aziende farmaceutiche produttrici dei vaccini. Le quali, da allora in poi, non dovranno più temere alcun danno economico per eventuali cause di risarcimento. Le azioni Novartis schizzano nuovamente a 52 dollari. Passa qualche mese, siamo ad ottobre per la precisione, e scopriamo sulle pagine economiche di Repubblica che: ”La svizzera Novartis ha annunciato ieri che nel solo quarto trimestre le vendite del Focetria, uno dei tre farmaci anti-H1N1 approvati in Europa, aggiun geranno tra i 400 e i 700 milioni di dollari ai suoi ricavi. Una pioggia d’ oro destinata a gonfiare anche i conti del 2010, visto che la domanda di vaccini pandemici – come ha ammesso l’ Oms – è e rimarrà per un paio d’anni almeno doppia rispetto alla capacità produttiva dei big della farmaceutica. I governi dei paesi più ricchi, non a caso, hanno messo le mani avanti da tempo, prenotando milioni di dosi (il costo è di circa 7,9 dollari l’ una, lo stesso dell’ anti-influenzale tradizionale) presso le aziende che stanno sviluppando i nuovi prodotti. L’ inglese Glaxo ha venduto a 22 nazioni 440 milioni di confezioni del suo Pandemrix, con un incasso già arrivato a 3,5 miliardi di dollari, annunciando che sono in arrivo altri accordi da centinaia di milioni. Vendite da capogiro sono previste anche per il Celvapan della Baxter, per cui è arrivato il disco verde delle autorità nelle ultime settimane. La francese Sanofi ha in portafoglio ordini per 250 milioni dagli Stati Uniti ancora prima dell’ ok al suo vaccino, cifra simile a quella che si è già messa in cassa l’ australiana Csl. L’ Oms stima che il giro d’ affari complessivo per il vaccino contro l’ H1N1 possa arrivare a quota 20miliardi di dollari”. Sì avete letto bene: 20miliardi di dollari per una bufala mediatica.

 

Conclusione abbiamo regalato un sacco di soldi a Big-Farma che potevano  essere utilizzati per fare veramente del bene alla società invece che alla  tasche di chi è già ricco.
Dovremmo tutti prendere in mano le redini della noste realtà sociali spingendo come elettori verso liste etiche che ci permettano un controllo diretto degli eletti e l’
utilizzo di una democrazioa diretta partecipata e non di una democrazia rappresentativa dove chi è eletto non è tenuto se non moralmente a tutelare gli elettori.
Dovremmo spingere per la revocabilità delle cariche e i referendum propositivi senza quorum, esperienze come la finta pandemia ci danno la misura di quanto denaro venga gettato nelle mani delle multinazionali mentre potrebbe
essere utilizzato per construire una società migliore ed a misura d’uomo.

 

======================================================================================================

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento