I Vaccini le cose non dette

 

I VACCINI E LE COSE NON DETTE

di Giulio Pintani

Il vaccino è un preparato contenente materiale costituito da microrganismi o parti di essi, opportunamente trattato per perdere le proprietà infettive, ma non quelle antigeniche, per essere utilizzato nel conferimento di immunità attiva al soggetto cui viene somministrato.

La definizione ufficiale di vaccino è questa.

Suppongo, però,che ben poche persone sappiano quali siano gli altri componenti dei vaccini, questo perchè siamo tutti abituati ad accettare passivamente quello che ci prescrive il medico,nella convinzione totale che sia per il ‘nostro bene’, senza porci domande o senza provare curiosità.

Eppure, visto che si tratta della nostra salute, dovremmo farci delle domande…

La prima è: quali sono i componenti dei vaccini?

La seconda, ed anche la più importante: esistono rischi per la salute legati ai vaccini?

Domande a prima vista banali ma importanti.

Per non essere troppo noiosi possiamo rispondere alla prima domanda riassumendo, in poche righe, i componenti principali dei vaccini o meglio, i componenti presenti nella maggior parte dei vaccini.

Le sostanze presenti sono:

– Antibiotici: sono utilizzati per prevenire la crescita batterica nelle colture vaccinali.

– Adiuvanti come i sali di alluminio o lo squalene: sono utilizzati nei vaccini per aumentare la stimolazione

immunitaria ed aumentare la produzione di anticorpi nei confronti della malattia.

– Formaldeide: è utilizzata per uccidere virus e batteri che possono trovarsi nelle colture usate per produrre vaccini.

– Monossido di glutammato (MSG): uno stabilizzante che in alcuni vaccini permette di aumentare la resistenza ai cambiamenti causati da variazioni di temperatura, umidità, ph ecc.

– Sodio metabisolfito: stabilizzante.

– Ecipienti come il polisorbato 80

– Thimerosal: è un conservante che contiene mercurio è può trovarsi sotto forma di etilmercurio, acido tiosalicilico, idrossido di sodio ed etanolo.

Fin qui tutto chiaro.

Ma questi componenti o i virus e batteri inattivati nel vaccino possono anche avere effetti negativi sulla nostra salute?

La risposta a questa domanda la troverete leggendo alcuni estratti dal sito di farmacovigilanza :

– il vaccino Morupar, per la prevenzione di Morbillo, Parotite e Rosolia (MPR)

‘L’AIFA ha deciso il divieto di vendita con ritiro dal mercato di Morupar, vaccino per la prevenzione di Morbillo, Parotite e Rosolia (MPR). Tale provvedimento è stato adottato a causa della segnalazione di reazioni allergiche avvenute a breve distanza dalla somministrazione del vaccino. In
particolare, nei primi mesi del 2006, sono state notificate cinque segnalazioni di reazioni avverse gravi, di natura allergica, che, pur rientrando tra i casi rari e previsti, hanno portato in via cautelativa a sospendere l’utilizzo del vaccino Morupar.’

 

Link Fonte: www.xagena.it

 

– Vaccini esavalenti (per bambini), sorveglianza in Europa.

‘Nel corso della riunione del 23-25 aprile 2003 il Comitato Scientifico dell’EMEA, CPMP (Committee for Proprietary Medicinal Products) ha esaminato i dati sulla sicurezza dei vaccini esavalenti. Il Comitato ha condotto una dettagliata revisione di 5 casi di morte, non spiegabile, accorsa in bambini entro 24 ore dalla vaccinazione con un vaccino esavalente.

Secondo il CPMP i benefici della vaccinazione possono superare i possibili rischi associati ai vaccini’.

 

Link Fonte: www.xagena.it

 

-Vaccino anti papillomavirus (Gardasil)

‘Il vaccino è stato criticato per la sua modesta efficacia nel coprire il range di tipi oncogenici di papillomavirus (si conoscono 15 tipi) e per la sua sicurezza non adeguatamente provata.

Recentemente, ricercatori australiani hanno trovato che la vaccinazione con Gardasil era associata ad una probabilità, 5-20 volte maggiore, di soffrire di gravi reazioni allergiche, rispetto ad altri programmi vaccinali.

Dalla commercializzazione di Gardasil sono stati riportati 18 casi fatali, il cui evento si è presentato dopo la somministrazione del vaccino, anche se non è noto se siano collegati con la vaccinazione’.

 

Link Fonte: www.farmacovigilanza.net

 

Queste sono solo alcune delle segnalazioni.

Il sistema VAERS (sistema di monitoraggio passivo degli avversi da vaccino negli USA), ogni anno registra decine di migliaia di reazioni avverse legate ai vaccini, compresi alcuni decessi o gravi reazioni che portano all’ospedalizzazione del paziente.

I casi di reazioni avverse, in realtà,sono molte di più ma non vengono segnalate per vari motivi (medico poco competente,errori di diagnosi ed altro), quindi possiamo ipotizzare che alle decine di migliaia di segnalazioni ufficiali ce ne siano altrettante non dichiarate.

I maggiori sospettati di molti effetti collaterali sembrano essere proprio alcuni componenti dei vaccini.

Fra i maggiori indiziati abbiamo:

– Il mercurio (contenuto nel Thimerosal) che è considerato un neuro degenerativo, con effetti a lungo termine di cui si conosce ben poco

 

Link Fonte: www.progettoalzheimer.org

 

Vi sono sosp
etti che possa essere collegato in qualche modo all’aumento di casi di autismo

 

Link Fonte: www.laleva.org

 

– La formaldeide è tossica e rientra nella lista delle sostanza cancerogene.

– Sullo squalene e su altri adiuvanti aleggia il sospetto che possano provocare malattie autoimmuni in alcuni soggetti.

Gli unici studi ufficiali disponibili sullo squalene negano che questo componente possa scatenare malattie autoimmuni. Tuttavia questi studi sono stati eseguiti dalla Novartis, quindi non si può dire che siano oggettivi visto che l’aziende farmaceutica usa questi adiuvanti in molti dei suoi vaccini.

Anche per il thimerosal non esistono studi ufficiali certi ma visti gli interessi in gioco è l’influenza delle case farmaceutiche

ci potrebbero essere non poche pressioni per evitare che qualcuno incolpi questo conservante di qualche cosa.

Eppure gli effetti collaterali riscontrati non sono fantasia.

Come esistono studi che collegano le vaccinazioni a molte malattie.

Il sito del COMILVA (Coordinamento del Movimento Italiano per la Libertà delle Vaccinazioni) fornisce un’ampia

documentazione a riguardo

 

Link Fonte: www.comilva.org

 

Contro il giudizio negativo sui vaccini del COMILVA e di numerose altre organizzazioni e di esperti si schiera gran parte del mondo scientifico.

Ma allora chi ha ragione?

Questi vaccini sono pericolosi o no?

Le reazioni allergiche gravi o i decessi sono rari se confrontati al numero di vaccinazioni eseguite, eppure esistono.

Attualmente una delle motivazioni ufficiali del mantenere obbligatorie alcune delle vaccinazioni è l’immigrazione selvaggia e visti i pochi o assenti controlli sanitari,questa può portare nei nostri Stati anche individui che portano malattie rare ed ormai

scomparse in occidente e che quindi, potenzialmente, potrebbero causare il nascere di focolai epidemici anche da noi.

Ma per malattie come l’influenza che giustificazioni ci sono per sostenere la vaccinazione, anche se non obbligatoria?

I vantaggi della vaccinazione devono superare ampiamente quello del rischio di effetti collaterali, secondo le organizzazioni sanitarie. Per molte malattie questi benefici sono dubbi. Senza contare che ogni volta che ci vacciniamo iniettiamo in corpo anche componenti nocivi per la nostra salute e che si accumulano nel nostro organismo.

L’influenza, per esempio, uccide solo in particolari circostanze. La mortalità e del 1 per mille e colpisce anziani o persone con problemi di salute. E’ proprio necessario farla su una persona sana, che può guarire facilmente grazie al suo sistema immunitario?

Il vaccino anti Papillomavirus è stato lanciato da una campagna pubblicitaria aggressiva, ma quali sono i reali benefici?

Perfino i medici non lo sanno con sicurezza visto che si ignora la reale efficacia della vaccinazione protratta nel tempo.

Inoltre bisogna segnalare che molti vaccini non sono efficaci al 100%. Il caso più evidente è quello del vaccino per l’influenza stagionale,che ha causa del continuo mutare del virus, può risultare scarsamente efficace in certe stagioni ed alcuni vaccini, come quello anti suina, sono tutt’ora in fase
sperimentale e non si conosce ne l’efficacia esatta e nemmeno la percentuale di effetti negativi che può causare.

Per l’industria farmaceutica, i vaccini rappresentano un guadagno enorme.

Non è un caso che in questo decennio si punti a vaccinare tutto e tutti contro qualsiasi cosa, anche se il parere di molti esperti è negativo.

I vaccini sono farmaci, questo non dimenticatelo mai. Hanno anche effetti collaterali. Gli effetti a lungo termine di alcuni vaccini ed i possibili danni sono tutt’ora in studio. Non bisogna abusarne. Non bisogna pensare che vaccinandosi contro tutte le malattie esistenti si avrà necessariamente un effetto positivo per la salute. Vaccinarsi solo contro pericoli reali per la propria salute e sicuramente la politica più saggia.

Lasciare che ogni persona possa decidere liberamente se vaccinare sé ed i propri cari è sicuramente una decisione veramente democratica.

Imparate a farvi delle domande prima di scegliere.

Imparate ad informarvi prima di compiere qualsiasi passo.

Informatevi da siti od organi indipendenti.

La vostra salute è importante, quindi dedicate qualche minuto all’informazione.

La rete può fornirvi tutto il materiale necessario.

_______________________________________

Breve descrizione di alcuni effetti collaterali definiti ‘molto rari’ o ‘rari’ dei vaccini contro l’H1N1:

– Sindrome di Guillain Barré

La sindrome di Guillain-Barré è una radicolo-polinevrite acuta che si manifesta con paralisi progressiva agli arti (di solito prima le gambe e poi le braccia). Nelle forme iperacute si arriva a una paralisi totale in 24 ore.

– Eritema multiforme essudativo

Malattia il cui sintomo più caratteristico è un particolare esantema che si localizza in maniera elettiva sulla faccia estensoria degli arti, nei dintorni delle rime palpebrali, al limite del capillizio, sulla nuca. L’esantema può essere costituito da macule e papule, oppure da vescicole e bolle.

– Encefalomielite

Qualunque malattia che interessa al contempo cervello e midollo spinale.

– Neurite

Denominazione di diverse affezioni che colpiscono i nervi e possono provocare un calo o la totale perdita della conduzione nervosa, causando spasmi, contrazioni, paresi, anestesie.

– Vasculite

Le vasculiti sono un gruppo estremamente eterogeneo di sindromi caratterizzate da infiammazione dei vasi sanguigni con manifestazioni clinico-patologiche differenti e spesso sovrapposte. Il processo infiammatorio vasale, attraverso il restringimento o l’occlusione del vaso colpito, determina riduzione dell’apporto di sangue e necrosi dei tessuti.

Per rari si intendono 1 o 10 casi ogni 10.000 vaccinati.

Per molto rari meno di 1 caso per 10.000 vaccinati.

_______________________________

Giulio Pintani

======================================================================================================

mai. Hanno anche effetti collaterali. Gli

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.