I media stanno riprovando a spingere su una fantomatica nuova ondata di H1N1

==================================================================================================

 

 

 Roma, 21 gen. – (Adnkronos/Ign) – In Italia continua il calo dell’incidenza del virus A/H1N, ma la stagione influenzale non è finita, come ci ricordano i casi registrati a Torino. Sono cauti gli esperti dell’Istituto superiore di sanità (Iss), dopo la notizia delle tre persone, due uomini e una donna, ricoverate all’ospedale Molinette del capoluogo piemontese con sindrome da stress respiratorio acuto in corso di infezione da virus A/H1N1.

 

Per Stefania Salmaso, direttore del Centro nazionale di epidemiologia, infatti, ‘non ci sono novità a livello nazionale e i tre pazienti di Torino non devono far pensare a una recrudescenza’. Tuttavia, sottolinea, ‘i casi gravi possono continuare a verificarsi nelle persone appartenenti alle fasce a rischio e per questo è importante la vaccinazione’

 

A invitare alla cautela anche Gianni Rezza, direttore del dipartimento di Malattie infettive, parassitarie e immunomediate dell’Istituto: ‘E’ presto per dire se siamo alla vigilia di una nuova ondata di virus A/H1N1. Anche se l’inverno non è ancora finito e dunque questa eventualità non si puo’ ancora escludere. Nel frattempo l’Istituto eseguirà gli esami sui campioni prelevati ai tre pazienti. ‘Siamo stati incaricati dal ministero della Salute di analizzare e tipizzare i virus dei pazienti ricoverati – ricorda Rezza – Dunque continueremo il monitoraggio virologico, che finora ha rilevato mutazioni solo in casi molto sporadici. Resta importante ribadire l’efficacia del vaccino per prevenire casi gravi, e dunque è importante ricordare ai soggetti a rischio di complicanze che la campagna vaccinale continua’.

 

Sono intanto stabili le condizioni dei tre pazienti ricoverati nel reparto di rianimazione del nosocomio torinese e sottoposti a Ecmo, la circolazione extracorporea respiratoria del sangue. Lo riferisce all’Adnkronos salute il direttore sanitario delle Molinette, Roberto Arione.

 

La donna, originaria del Bangladesh ma residente in Italia, è affetta da problemi di obesità e quindi considerata a rischio. ‘Si è presentata al Pronto soccorso dell’ospedale torinese Giovanni Bosco il 13 gennaio ed è stata trasferita in Rianimazione alle Molinette il 16’, precisa il direttore. Gli uomini sono un italiano 55enne cardiopatico e un ragazzo romeno di 25 anni, che lavora all’aeroporto di Torino. ‘Il paziente italiano si è presentato al Pronto soccorso delle Molinette il 16 ed e’ stato trasferito al Reparto di rianimazione il 19. Anche il ragazzo romeno è stato trasferito in Rianimazione il 19. Le sue condizioni, rispetto agli altri due pazienti, sono meno gravi, infatti è sottoposto ad Ecmo parziale’, puntualizza.

 

Era dalla fine dell’anno che non si verificavano ricoveri in Rianimazione per il virus A/N1H1. Tuttavia, spiega Marco Ranieri, direttore del Dipartimento di anestesia e terapia intensiva, ‘parlare di una nuova ondata del virus è prematuro. Bisogna vedere se questo dato verrà confermato su scala nazionale’.

 

 

Fonte: http://www.adnkronos.com

 

 

 

======================================================================================================

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.